Possibile inquinamento per le navi da crociera a Napoli per le Universiadi

Allarme Universiadi le navi ancorate nel porto di Napoli non potrebbero fornire l’energia elettrica a bordo ed questo è un grave danno ambientale. La grande kermesse sportiva prevista dal 3 al 14 luglio a Napoli ha portato grandissime innovazioni e un vento di rinnovo per moltissime strutture tra Napoli e provincia. Sicuramente questi impianti “regalati” alla regione Campania saranno un segno importante, ma c’è anche altro che le Universiadi lasceranno alla città di Napoli: l’inquinamento dei mari. Per far fronte al numero esorbitante di atleti, squadre e personale vario previsti per l’evento sportivo, il comune e la regione hanno dovuto trovare una soluzione per sistemare tutti gli ospiti in spazi adeguati e quanto più vicini possibili alle venue sportive dove si terranno le competizioni. Infatti, saranno due navi da crociera, la Msc“Lirica” e la Costa Crociere “Victoria“, ad ospitare i più di 4000 atleti attesi per l’evento, in aggiunta ai poli alberghieri tra Caserta e Salerno e il campus di Fisciano. Fin qui nessun problema, ma queste navi da crociera dovranno rimanere a motore acceso per tutto il tempo della kermesse, sostando in modo permanente nel porto di Napoli, 24h24. I motori dovranno rimanere accesi a causa del fatto che le banchine dove sosteranno le navi non sono ancora provviste di elettricità, quindi senza motori, le navi non potrebbero fornire l’energia elettrica a bordo ed questo è un grave danno ambientale per tale ragione nei prossimi giorni assieme ad centri sociali sono previste manifestazioni di piazza onde sensibilizzare l’opinione pubblica e chi di competenza, a Napoli le morti per tumori sono già alte ci mancava solo l l’idiozia delle navi da crociera che sputano h24 veleni tossici nell’aria ha così dichiarato Giuseppe Alviti e l’ avv. Penalista Arnaldo Gadola responsabile nazionale legale della associazione guardie particolari giurate.