Posti di lavoro fantasma in cambio di denaro. Ai domiciliari Anna Telesco

Prometteva posti di lavoro fantasma, l’organizzazione che la 68enne di Lusciano, Anna Telesco, già nota alle cronache del viterbese, con l’aiuto di altre 5 persone (di cui tre già note alle FFOO) aveva messo su. Posti di lavoro nella sanità pubblica e privata in cambio di somme di denaro tra i 100 e i 5.000 euro. Secondo le indagini della magistratura tra il febbraio 2015 e l’ottobre 2018 la Telesco si vantava di aggiudicazioni di appalti in ospedali e strutture sanitarie private per la fornitura di cibo, quali l’ospedale Moscati di Aversa e la clinica Pineta Grande di Castel Volturno e spingeva le vittime a pagare ingenti somme di denaro pur di avere l’ambito posto di lavoro. Furono proprio le telecamere di Striscia la Notizia a smascherare la truffa sui posti di lavoro fantasma con un servizio di Pino Abete andato in onda sui canali Mediaset. A carico della Telesco ci sono ben 150 denunce di persone truffate del napoletano e della provincia di Caserta.

Ieri, i carabinieri della compagnia di Aversa guidati dal maggiore Terry Catalano su ordine del GIP del Tribunale di Napoli Nord hanno provveduto a porre nella misura degli arresti domiciliari Anna Telesco e sottoporre all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria gli altri cinque dell’organizzazione, con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla truffa.