I prestiti inpdap: credito agevolato per dipendenti pubblici

L’accesso al credito è una materia delicata per imprese e privati. Le offerte degli istituti di credito non mancano di certo, ma spesso hanno dei parametri troppo restrittivi e tagliano fuori una fetta di utenza interessata.
Per i dipendenti statali e della pubblica amministrazione accanto alle offerte di banche ed istituti di credito bisogna menzionare l’alternativa offerta dai prestiti inpdap. Andiamo a vedere in cosa consistono.

Prestiti inpdap o prestiti inps

A seguito della riforma del governo Monti, dal primo gennaio 2012 l’Inpdap è stato accorpato all’INPS, per cui tutte le funzioni che prima facevano capo all’Inpdap ora sono di competenza dell’Istituto nazionale di previdenza sociale.

Il fondo credito

Tra queste funzioni vi è anche l’accesso al credito che viene erogato dal cosiddetto Fondo Credito, uno speciale fondo istituito dall’inpdap per sopperire alla necessità di credito dei dipendneti pubblici. Questo fondo si finanzia con delle trattenute sulla busta paga e l’erogazione dei finanziamenti è legata alla disponibilità di liquidità.

Possono accedere ai prestiti INPDAP tutti i lavoratori e i pensionati iscritti alla Gestione Dipendenti Pubblici dell’INPS, e i dipendenti e pensionati pubblici di altre amministrazioni iscritti al Fondo Credito. Possono inoltre accedere a queste forme di credito anche gli iscritti alla Gestione Assistenza Magistrale (ex ENAM) e i dipendenti delle aziende del Gruppo Poste Italiane spa.

Tipologie di prestito

Piccolo prestito inpdap

E’ una delle forme maggiormente richieste. Consiste nell’erogazione di piccole somme per una durata di ammortamento che può andare da uno a quattro anni, a seconda dell’importo richiesto. Gli importi richiesti possono essere pari ad una mensilità per il piccolo prestito inpdap annuale, due per quelli biennali, tre mensilità per il piccolo prestito triennale e quattro mensilità per quello quadriennale.

Nel caso il dipendente non abbia in corso altri rapporti creditizi, gli importi possono essere raddoppiati. Il tasso è al 4,25%.

Prestiti pluriennali diretti

Per le somme più importanti si può invece far ricorso ai prestiti pluriennali. Sono dei prestiti che prevedono l’erogazione di credito per importi consistenti con rimborso che può andare dai cinque ai dieci anni, rispettivamente in 60 o in 120 rate mensili, pagabili ad una quota non superiore ad un quinto dello stipendio o della pensione.

Prestiti pluriennali garantiti

Sono dei prestiti inpdap con durata quinquennale o decennale. Il primo è da restituire in 60 rate mensili, mentre il secondo in 120 rate mensili. Differentemente dai prestiti pluriennali diretti, i prestiti garantiti inpdap sono erogati da banche ed istituti di credito che hanno sottoscritto una convenzione con l’inpdap.

Sedi Inpdap

Per maggiori informazioni, il dipendente può recarsi presso la sede inpdap più vicina. Su questo sito trovate un elenco di tutte le sedi inpdap in Italia con numeri di telefono, indirizzo ed indicazioni stradali.