PROVINCIA DI CASERTA – Gli Ospedali non chiudono ma migliorano: 8 punti di novità

Travisato il “Piano Ospedaliero”: pronti oltre 500 posti letto e recupero degli stabilimenti ospedalieri

di Marco Natale

CASERTA – La Regione Campania parla di Ospedali dequalificati o in vista di chiusura nella Provincia di Caserta. La realtà, però, è ben diversa da quella che si può immaginare.

Ad esempio, le strutture ospedaliere di Maddaloni e Santa Maria Capua Vetere non chiuderanno e i rispettivi Pronti Soccorso non saranno depotenziati.

Gli ospedali che al momento configurano come presidi ospedalieri anche sede di Pronto Soccorso sono proprio quelli di Maddaloni, Santa Maria C.V., Castel Volturno e Piedimonte Matese.

Eppure gli unici ospedali con Pronto Soccorso che invece fanno parte del Dea di I livello sono quelli di Aversa, Marcianise e Sessa Aurunca.

Se al momento l’area provinciale di Caserta risulta penalizzata si tratta di un grave problema di disinformazione: prossimamente la macro-area ospedaliera sarà potenziata con 596 posti letto, poiché al momento dotata di soli 2,61 posti letto per ogni 1000 abitanti sulle varie sedi.

È quindi fondamentale rivedere la posizione dell’offerta sanitaria in Provincia di Caserta e in Campania. Gli interventi di potenziamento riguardando un recupero degli stabilimenti ospedalieri e varie modifiche strutturali. Inoltre in questo processo si presentano anche degli adeguamenti alle nuove norme da dover applicare con degli appalti già previsti nel piano.

Bisognerà iniziare dalla messa a norma dei presidi di Maddaloni, Marcianise, Sessa Aurunca, Aversa e San Felice a Cancello. Anche l’Azienda ospedaliera “Sant’Anna e San Sebastiano” di Caserta rientra nella messa a norma con gli altri ospedali.

L’offerta sanitaria, dunque, si basa anche sulla riconversione dell’ospedale di Capua in Ospedale di Comunità, ovvero in una struttura intermedia tra assistenza domiciliare e ospedaliera.

Il Piano Ospedaliero, infine, prevede una scala di classificazione consistente in otto punti, secondo il tipo di interventi e destinazioni d’uso.