SAN NICOLA LA STRADA. A.P.U. (Attività Pubblica Utilità), altri 666 rapporti di lavoro di pubblica utilità in 52 comuni della Campania

di NUNZIO DE PINTO

A.P.U. (Attività Pubblica Utilità), altri 666 rapporti di lavoro di pubblica utilità in 52 comuni della Campania

SAN NICOLA LA STRADA – Con decreto dirigenziale nr. 638 dell’11/10/2017 è stata approvata la terza graduatoria relativa all’Avviso pubblico per il finanziamento di misure di politica attiva – percorsi lavorativi presso Pubbliche Amministrazioni. I progetti ritenuti ammissibili e finanziabili in questa terza graduatoria interessano 25 soggetti utilizzatori, per un totale di 498 destinatari. Fra i comuni casertani in questa terza graduatoria troviamo i comuni di Recale con 25 destinatari, Casal di Principe (25), Macerata Campania (25), Portico di Caserta (25), Sant’Arpino (25), Aversa (27), Sessa Aurunca (25), Mondragone (22), Gricignano d’Aversa (11). A distanza di solo poche settimane dal precedente decreto APU, con il DD nr. 487 si è dato il via ad altri 666 rapporti di lavoro di pubblica utilità in 52 comuni campani che hanno presentato progetti ammissibili e finanziabili. Un complimento va agli amministratori del Comune di San Nicola la Strada che, sin dal primo avviso pubblicato dalla Regione Campania, ha deciso di cogliere al volo questa iniziativa avendo compreso sin da subito lo spirito inclusivo delle attività degli A.P.U.. A seguito della deliberazione di G.C. nr. 65 del 14 luglio 2017, il Sindaco del Comune di San Nicola la Strada, Vito Marotta, rese noto l’avviso pubblico per la realizzazione di percorsi di servizi di pubblica utilità rivolto ai lavoratori residenti nella Regione Campania fuoriusciti dal sistema produttivo e privi di qualsiasi forma di sostegno al reddito e furono ben 16 i disoccupati su 45 che presentarono la domanda ad essere utilizzati per sei mesi. Durante questi sei mesi, in cui lavoreranno per un massimo di 20 ore per complessivi 580 euro mensili, le attività di Pubblica Utilità in cui sarà utilizzato il predetto personale sono: 1) Lavori di Giardinaggio; 2) Lavori di varia natura in occasione di manifestazioni, sportive, culturali caritatevoli; 3) Attività lavorative collegate ad eventi organizzativi aventi scopi di solidarietà sociale; 4) Lavori e servizi legati ad esigenze del territorio e dei cittadini. I destinatari sono ex percettori di ammortizzatori (di qualunque tipologia) dal 2014 e attualmente senza reddito. Le risorse per questa nuova edizione di APU sono 5 milioni di euro e la Regione ha scelto di anticipare ai Comuni il pagamento delle retribuzioni. Le procedure sono semplici ed a burocrazia zero e tante altre domande sono attualmente in istruttoria presso la Regione Campania.