SAN NICOLA LA STRADA. Al via mini rivoluzione per la raccolta rifiuti con il progetto pilota “Adesso tocca a te fare la differenza”

Presentati i nuovi strumenti per la raccolta della differenziata

SAN NICOLA LA STRADA – Con la presentazione del Progetto pilota sperimentale: “Adesso tocca a te fare la differenza”, avvenuta venerdì 5 aprile 2019 presso la sala Giunta del Comune di San Nicola la Strada, è partita la mini rivoluzione della raccolta porta a porta il cui “target” è quello di aumentare la percentuale della raccolta differenziata ferma alla fine di marzo 2019 al 45 per cento. Le slide che hanno accompagnato la presentazione del progetto recano tutte un logo raffigurante un volto umano con un dito rivolto nei confronti di chi lo sta guardando in quel momento e reca la dicitura: “Adesso tocca a te fare la differenza”.

Il logo ha un contenuto esplicito e si rivolge nei confronti dei cittadini sannicolesi ai quali viene chiesto di adoperarsi affinché, attraverso i loro comportamenti virtuosi, possano contribuire a far “lievitare” la percentuale della differenziata. Una sorta di arruolamento, (“chiamata alle armi” per combattere contro l’indifferenza dei cittadini nei confronti di una sana e corretta gestione della raccolta differenziata) come quello effettuato nell’America della grande epopea western prima, e nella Prima e Seconda Guerra Mondiale poi, che vedeva campeggiare sui muri i manifesti con la frase “I want you”.

Frase proferita da un personaggio che aveva le sembianze del capo della Casa Bianca, che portava sulla testa un cilindro a stelle e strisce che, con il dito puntato verso chi si soffermava a leggere, invitava a dare il proprio contributo alla causa. Ed è proprio puntando sulle motivazioni del cittadino sannicolese che l’Amministrazione comunale, guidata dal Sindaco Vito Marotta, si dice convinta che la raccolta possa avere successo. Il comportamento motivato dell’individuo discende da una scelta, una consapevolezza, un desiderio di raggiungere specifici obiettivi e standard ed è su questa scelta motivazionale che punta il progetto messo a punto dalla DHI. L’obiettivo di questa progetto pilota sperimentale è quello di creare un nuovo sistema di raccolta dei rifiuti, più ambizioso e più equo, migliorando sia la qualità che la quantità dei rifiuti prodotti e incentivando chi differenzia meglio.

Il progetto sperimentale pilota interessa al momento i residenti di via Dante, via Toti, via Foscolo, via Kennedy, via Volta e Viale Lincoln, e parte dal 2 maggio 2019. Nel frattempo, a partire del 15 al 29 aprile 2019 i residenti delle strade interessate saranno contattati tramite posta per andare a ritirare presso l’Ecosportello di Via Diaz il Kit per l’umido e la differenziata. Il Kit comprende due “Mastelli” ( o cestelli che dir si voglia); uno di colore “marrone” per l’umido, l’altro di colore “grigio” per l’indifferenziato. I predetti mastelli hanno il coperchio dotato di MICROCHIP (TAG Rfid) che, al momento della consegna viene abbinato in modo UNIVOVO a ciascun NUCLEO FAMIGLIARE.

Al momento del prelievo gli operatori leggono il codice del microchip registrando l’avvenuto svuotamento associandolo a ciascun nucleo famigliare. Nei condomini con nuclei famigliari superiori a 10 il microchip viene apposto direttamente sul cassonetto. Nella cosiddetta cornice della Smart City e nel rispetto sulla tariffazione dei rifiuti solidi urbani, il sistema RFID “mira a rilevare, in modo preciso e ed automatico il prelievo dei rifiuti effettivamente prodotti dalle singole utenze.

Il sistema prevede il rilevamento del Codice TAG con data ed ora, il rilevamento delle coordinate GPS svuotamenti, registrazione e gestione di eventuali NON conformità, trasmissione dei dati in tempo reale al portale web IDBox. La rilevazione e l’identificazione dei “mastelli” avviene al momento del prelievo tramite un operatore ed i dati sono poi trasmessi automaticamente e in tempo reale al sistema informatico della DHI S.p.A. che registra il codice utente, la data e l’ora del prelievo, il peso, e l’operatore che ha effettuato il servizio. Punto di partenza di un sistema eco-sostenibile e virtuoso della gestione rifiuti È IL COMPORTAMENTO DEL CITTADINO, che deve differenziare correttamente già a casa i rifiuti prodotti, conferendoli in appositi ed altrettanto differenti “mastelli.