SANITA’ PRIVATA IN CRISI PER TAGLIO PRESTAZIONI SPECIALISTICHE

La crisi della Sanità Pubblica, grazie alla disattenzione della Regione Campania, va estendendosi anche alla Sanità Privata, che sinora era l’unica a non avere lunghe liste di attesa

Caserta – Sanità Privata in crisi per l’eventuale taglio, da parte della Regione, delle Prestazioni Specialistiche.

La crisi della Sanità Pubblica, grazie alla disattenzione della Regione Campania, va estendendosi anche alla Sanità Privata, che sinora era l’unica a non avere lunghe liste di attesa e ad offrire una Assistenza sanitaria qualificata e tempestiva, nota la Segreteria della Cisas Campania.

In provincia di Caserta, a causa dei carenti servizi offerti dalle strutture pubbliche, i cittadini ammalati e gli anziani erano ben assistiti dai Centri di Cura Privata, che avevano anche potenziato i loro servizi e migliorata l’Assistenza, come nel caso delle Case di Cura Sant’Anna e Villa del Sole di Caserta, Villa Ortensia di Capua, Coppola Pineta Mare di Castel Volturno e San Michele di Maddaloni.

Il taglio – da parte della Regione – degli accreditamenti istituzionali per le Case di Cura polispecialistiche medico chirurgiche, alle Aziende accreditate interessate a processi di organizzazione ai sensi del Dca n. 8/2018, ha creato grosse difficoltà alle Aziende Private della Sanità, che si trovano ora ad avere una eccedenza di personale, che potrebbe produrre eventuali licenziamenti.

La delicata questione è stata esaminata dalla Segreteria della Cisas con i vari Rappresentanti Sindacali Aziendali (RSA) delle Strutture Sanitarie interessate anche per evitare eventuali licenziamenti di lavoratori.

Il Segretario Regionale della Cisas, Mario De Florio, data la gravità della situazione, interverrà presso la presidenza della Regione per un intervento in materia, tenuto conto che il Presidente della Regione De Luca è anche contemporaneamente Commissario Straordinario della Sanità in Campania.

Intanto, anche le Case di Cura interessate si stanno mobilitando per evitare tagli agli accreditamenti esaminando la delicata questione con le Organizzazioni Sindacali.