Sotto shock i proprietari della Libreria De Canditiis per l’incendio di ieri

In fumo le speranze e gli investimenti dei noti librai casertani. Scoperta la natura dell'incendio

Avevamo dato già notizia dell’incendio sviluppatosi ieri alla nota e storica libreria casertana De Canditiis.
Dopo diverse ore dall’incendio siamo riusciti a scoprire cosa ha generato le fiamme all’interno del locale.
Per i Vigili del Fuoco non si tratta di incendio doloso, infatti un sovraccarico di tensione elettrica avrebbe innescato l’inferno.

Danni notevoli all’intera attività commerciale. All’interno praticamente ogni angolo è stato avvolto dalle fiamme. Per i proprietari è un ingente danno economico, visto anche l’avvicinarsi dell’apertura delle scuole. L’intero investimento fatto sui nuovi testi è completamente perduto. Si tratta, però, di un danno anche per tutta la cittadinanza: quando viene colpita la cultura anche la comunità subisce una ferita letale.

Ancora adesso la famiglia De Canditiis è sotto shock. È difficile per loro credere ad una vicenda così drammatica, che in ogni caso smentisce la falsa ipotesi dell’incendio doloso. A quanto pare le fiamme sono partite proprio da un sistema elettrico vicino al “bancone”, praticamente nel mezzo del locale commerciale.

La voce commossa dei librai

Sono incredula – afferma la proprietaria al telefono con noi – che anni di sacrifici sono finiti in cenere. Non immaginavo potesse accadere e ancora adesso non mi rendo conto del fatto. Devo però ringraziare – continua – quanti ci sono stati vicini in queste ore. Voglio sottolinearlo all’infinito. Senza di loro non riuscirei a sostenere questa perdita per me fondamentale. È una situazione critica – conclude – ma cercheremo di andare avanti”.

Questa la voce commossa dei noti librai. Ora bisognerà ripartire, come già detto, da quella cenere. Per fortuna le fiamme, grazie al tempestivo intervento dei pompieri, sono state contenute. Nessun altro danno è stato riscontrato al condominio in cui ha sede la libreria.
Rimane soltanto da capire se l’incidente sia dovuto ad un innalzamento improvviso di tensione non controllato dall’Enel, che già da giorni riscontra anomalie in tutta la Città di Caserta. Non è un mistero che da giorni, e proprio ieri avevamo dato una prima notizia, la corrente va e viene generando numerosi blackout.

Sono venuta a sapere – spiega la proprietaria – che da diversi giorni la corrente non sempre c’è a Caserta. Forse, e lo vediamo con i continui antifurto che suonano in città, ieri è accaduta la stessa cosa. Non siamo completamente certi che sia stata questa la causa dell’incendio purtroppo. Intanto tutto è distrutto“.