Strage familiare a Vairano Patenora (Caserta): uccide la moglie e poi si suicida

di Marco Natale

Nel pomeriggio di oggi nel Comune di Vairano Patenora in provincia di Caserta si è consumata una terribile strage familiare. A compiere il folle gesto è stato un maresciallo della guardia di finanza, M.D.P, che prestava servizio al porto di Napoli. Secondo quanto appreso sembra che i motivi siano da ricondurre a precedenti litigi che erano avvenuti tra lui e la famiglia della moglie. Sembra che i problemi che si erano creati all’interna alla coppia, li avevano condotti ad avviare tra loro un procedimento di separazione. La scena del crimine si è consumata all’interno della cartoleria Laurenza di proprietà delle due vittime, luogo nel quale l’uomo è entrato e, usando la sua pistola di ordinanza, ha aperto il fuoco colpendo prima l’ex moglie (A.L.) e la sorella di quest’ultima (R.L). Successivamente si è diretto verso gli ex suoceri sparando anche contro di loro. Fortunatamente però, in questo secondo caso, i due sono rimasti solo feriti, anche se in maniera grave tanto da essere trasportati di urgenza al pronto soccorso dell’ospedale di Caserta. Il suo ultimo atto, invece lo ha compiuto contro se stesso, suicidandosi. I due ex coniugi lasciano due figli: un ragazzo e una ragazza, rispettivamente di 14 e 20 anni.