TERREMOTO A L’AQUILA, SCOSSE ANCHE AL CENTROSUD

Un terrmoto avvertito anche nella parte alta della Campania, al momento SI HANNO POCHE e frammentarie informazioni.

Quello che possiamo dire è che  una scossa di terremoto di magnitudo 4.4 è stata registrata dagli strumenti dell’istituto nazionale di geofisica in provincia de L’Aquila. E’ stato registrato nella zona di Balsorano, nell’Aquilano. L’epicentro del terremoto è stato localizzato dalla Sala Sismica dell’Ingv a 14 km di profondità e a 5 km di distanza da Balsorano. La scossa è avvenuta alle 18.35 ed è stata avvertita anche nel
Lazio. Subito dopo la scossa la popolazione ad Avezzano e in alcuni paesi della Marsica si è riversata in strada. Al momento non sono segnalati danni a persone o cose. La scossa è stata avvertita nettamente anche a Chieti.

E’ una sequenza sismica diversa da quella dell’Italia centrale ad avere attivato il terremoto avvenuto al confine tra Abruzzo e Lazio, alla profondità di 14 chilometri, e la cui magnitudo è stata ricalcolata in 4,4. «Si tratta di un altro sistema di faglie», ha detto all’ANSA il sismologo Alessandro Amato, dell’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv). «Si tratta comunque – ha proseguito – di un’area ad alta pericolosità sismica». In questa stessa area è infatti avvenuto il terremoto di Avezzano del 1915 e altri due importanti terremoti storici sono avvenuti nel frusinate nel 1654 e più a Sud, verso il Molise, nel 1349.

La scossa di terremoto di oggi pomeriggio ha seminato panico tra Sora, Cassino e Frosinone. La gente è scesa in strada e ha intasato i centralini dei vigili del fuoco, non per segnalare danni o feriti ma per chiedere informazioni. A Cassino il sindaco Salera ha annunciato su facebook che domani le scuole resteranno chiuse. Dalle 18.40 il traffico ferroviario sullelinee Sulmona-Avezzano, Roccasecca-Avezzano, e fra Ceprano e Cassino (linea Roma-Cassino), è sospeso, in via precauzionale, per consentire la verifica dello stato dell’infrastruttura da parte dei tecnici di RFI a seguito di un scossa di terremoto che ha interessato il territorio fra l’Abruzzo e il Lazio.

Avvertito il terremoto anche in alcune zone dell’alto casertano, ossia Sessa Aurunca, Cellole, Calvi Risorta, Baia domizia.