Inseguito e picchiato prete accusato di pedofilia

Autore dell'aggressione un parente della bambina vittima di abusi

 

Trentola Ducenta. Nei giorni scorsi , Don Michele Mottola, il parroco accusato di pedofilia, sarebbe stato inseguito, speronato e picchiato sull’Asse Mediano da un parente stretto della bambina di 11 anni di cui il sacerdote avrebbe sessualmente abusato.

Questi i fatti.

L’uomo avrebbe costretto Don Michele Mottola a scendere dalla macchina e poi lo avrebbe aggredito colpendolo con schiaffi e pugni.

In soccorso del prete sono intervenuti due motociclisti che transitavano sull’asse mediano, i quali per evitare il peggio  si sono adoperati per calmare la furia del familiare della  bambina,

Dopo aver ricevuto le cure mediche del caso, Don Michele Mottola si sarebbe recato al locale Comando dei Carabinieri per sporgere denuncia contro l’aggressore e consentire la sua individuazione.

In ogni caso,  l’attenzione intorno al parroco di Trentola Ducenta, trasferito nell’Agro Aversano da Qualiano lo scorso maggio, resta altissima.

Per il momento, nei confronti del sacerdote, a partire da oggi ,  e’ scattata la misura di custodia cautelare dell ‘arresto. L’uomo  e’ stato tradotto nel carcere di Secondigliano dove lunedi’ 11 novembre sara’ interrogato dal Pubblico Ministero. A difendere Don Michele Mottola l’Avv. Antimo D’Alterio.

Determinanti, ai fini dell’arresto, sarebbero stati sia le registrazioni degli incontri a sfondo sessuale tra il prete e la bambina, realizzati da quest’ultima, sia  l’incidente probatorio che ha messo l’uno di fronte l’altra i due nel corso del quale  la piccola ha confermato gli abusi subiti mentre il parroco avrebbe respinto tutte le accuse.

 

TAGS