Trianon Viviani, Salvador Sobral chiude la stagione teatrale

Sabato 18 maggio prossimo, alle 21, Salvador Sobral sarà al Trianon Viviani, per la prima volta nel capoluogo campano.

Il cantante portoghese, vincitore dell’Eurofestival 2017, chiuderà il ciclo “Il mondo fa tappa a Napoli” e la stagione del teatro della Canzone napoletana firmata da Marisa Laurito.

La rassegna, nella quale artisti internazionali si sono confrontati con il repertorio musicale partenopeo, ha visto – con grande successo di pubblico – la partecipazione di Noa, Vinicio Capossela, Letizia Gambi, Pietra Montecorvino con Tonino Carotone, Teresa Salgueiro e il Solis string quartet.

Per questa sua serata speciale, in cui Lisbona incontra Napoli, Sobral ospiterà Enzo Gragnaniello.

La settimana conclusiva di programmazione del Trianon Viviani vedrà anche un appuntamento con lo “stand up comedian” Francesco De Carlo, che, mercoledì 15 maggio, sempre alle 21, bisserà, a furor di pubblico, il suo nuovo spettacolo “Bocca mia taci”, portato recentemente in scena nel teatro pubblico di Forcella.

I biglietti sono acquistabili presso il botteghino del teatro, le prevendite autorizzate e online sul circuito AzzurroService.net. Il botteghino è aperto dal lunedì al sabato, dalle 10 alle 13:30 e dalle 16 alle 19; la domenica, dalle 10 alle 13:30. Telefono 081 0128663, email boxoffice@teatrotrianon.org.

Il Trianon Viviani si avvale del sostegno del ministero della Cultura, la Regione Campania (fondi ordinari e Poc 2014-2020) e la Città metropolitana di Napoli, con il patrocinio di Rai Campania.

La sesta e ultima puntata della rassegna internazionale “Il mondo fa tappa a Napoli” vedrà protagonista Salvador Sobral nel concerto “Timbre”, sabato 18 maggio, alle 21.

Enzo Gragnaniello è l’ospite speciale della serata che chiude anche la stagione del Trianon Viviani.

Dopo il concerto con Teresa Salgueiro e il Solis string quartet, il teatro della Canzone napoletana offre al suo pubblico un nuovo appuntamento musicale in cui la cultura lusitana si incontra con quella partenopea.

Il giovane cantante portoghese – al secolo Salvador Thiam Vilar Braamcamp Sobral, classe 1989 – si afferma nel talent show portoghese Ídolos, per poi debuttare con il suo primo album Excuse me nel 2016. Nel 2017 partecipa al Festival da Canção con il brano Amar pelos dois, composto da sua sorella Luísa. Nello stesso anno, si aggiudica l’Eurovision song contest, tenutosi a Kyïv, primo artista portoghese ad aver vinto la popolare manifestazione internazionale.

Il concerto riprende il quarto e ultimo album omonimo dell’artista, che comprende undici nuove canzoni originali, di cui dieci composte in collaborazione con Leo Aldrey (nominato al Latin Grammy), responsabile anche della produzione del cd.

«La parola “timbre”, cioè “timbro” in italiano – spiega Sobral –, è usata in molte lingue latine e germaniche con lo stesso significato e si scrive, più o meno, allo stesso modo: l’ho ripresa perché, come cantante, mi definisce e mi distingue maggiormente; ma anche perché mi interessa il concetto di timbro come colore, il colore della voce e degli strumenti».

Il concerto si presenta, quindi, come «una tavolozza colorata di timbri che innescano la chiarezza», nella quale Sobral è accompagnato da Sebastià Gris (chitarra), Magalí Sare (flauto), Clara Lacerda (piano), António Quintino (contrabbasso) e Joel Silva (batteria).

Il concerto Timbre è prodotto da Egeamusic.