Due quintali di botti illegali nascosti in un box auto. Due arresti e tre denunciati

Quasi due quintali, 170 chili, di botti pirotecnici detenuti illegalmente in 3 box auto: 2 le persone arrestate e 3 quelle denunciate. Questo il bilancio di un blitz dei carabinieri della stazione di Villaricca, nell’ambito di un servizio di contrasto all’uso e alla vendita di botti illegali disposto dal Comando Provinciale di Napoli. A finire in manette Fabio Esposito, 35enne di Villaricca e Francesco Fioretti, 37enne di Qualiano, entrambi già noti alle Forze dell’Ordine.

Durante una perquisizione, i militari hanno rinvenuto ben 434 ordigni artigianali e 761 fuochi di “libera vendita”, illecitamente detenuti in tre box auto posti al di sotto di un condominio privato di Villaricca. Un vero e proprio arsenale stoccato in tre piccoli locali sotterranei composto da “rendini”, “cipolle”, “colpi di mortaio” e “batterie di fuochi”. Tre le persone denunciate per aver concesso in uso ai due arrestati i locali come magazzino per il materiale esplodente la cui potenza avrebbe potuto mettere in serio pericolo la stabilità dell’intero condominio. Esposito e Fioretti sono stati sottoposti ai domiciliari in attesa di giudizio. I fuochi sono stati campionati dai carabinieri del nucleo artificieri di Napoli e affidati ad una ditta specializzata per la distruzione.