ALIFE. Alternanza scuola/lavoro, convenzione tra il comune di Alife ed il liceo “Galilei” di Piedimonte Matese

Il sindaco Di Tommaso: la città si apre al territorio ed offre così l’opportunità a tanti giovani del posto di acquisire competenze spendibili sul mercato del lavoro.

ALIFE – Il sindaco della città di Alife, Maria Luisa Di Tommaso, e la dirigente scolastica del Liceo Statale “Galileo Galilei” di Piedimonte Matese, Bernarda De Girolamo, nei giorni scorsi hanno sottoscritto una convenzione per favorire l’inserimento di 21 studenti in un percorso di alternanza scuola-lavoro inserito nel piano triennale dell’offerta formativa dell’istituzione scolastica come parte integrante dei percorsi di istruzione. Un gruppo di 21 tra ragazzi e ragazze frequentanti i diversi indirizzi del liceo, tra i quali scientifico, classico, artistico, linguistico, scienze umane e musicale, potranno accedere alle strutture comunali e fruire di determinati periodi di apprendimento in ambiente lavorativo, nell’ambito dei percorsi di alternanza scuola lavoro, con attività di formazione ed orientamento.

Al centro di tali percorsi di alternanza scuola-lavoro, ci saranno in particolare i monumenti storici, i siti archeologici ed i beni culturali che impreziosiscono l’intero territorio comunale del capoluogo alifano e la sua gestione, con un’attenzione particolare rivolta ai progetti e alle iniziative messe in campo dall’Ente e seguite dall’attuale amministrazione comunale per la valorizzazione e la promozione dei tesori, in primis la realizzazione del nuovo museo archeologico che, proprio di recente, è stata al centro di un affollato convegno svoltosi nella sala consiliare del Comune e promosso dal team Asoc Ager Alliphanus.

È stata quella l’occasione per l’esordio del gruppo di 21 studenti nel progetto che li vedrà impegnati nei prossimi mesi in città, alla presenza del sindaco Di Tommaso, affiancata dalle assessore alla Pubblica Istruzione Caterina Ginocchio e ai Beni Culturali Anna Maria Morelli, della preside De Girolamo, dei tutor e degli esperti e studiosi che collaborano alla realizzazione del nuovo edificio, in luogo del poliambulatorio dell’Asl, che sarà destinato ad ospitare tutti i reperti e le testimonianze della gloriosa storia alifana così da far rinascere il polo museale.

“Con l’alternanza scuola-lavoro, la nostra città si apre al contributo degli studenti del territorio che, proiettandosi verso il loro futuro occupazionale, guardano alla comunità alifana ed al suo immenso patrimonio storico-archeologico e monumentale quale occasione e strumento per acquisire competenze poi spendibili sul mercato del lavoro. Partiamo dal costruendo museo archeologico, i cui lavori termineranno presto, non appena la Regione Campania accrediterà i restanti fondi di cui al finanziamento concesso negli anni scorsi, proseguiremo con la politica di valorizzazione e rilancio degli altri beni culturali di cui Alife è ricca”, spiega il sindaco Di Tommaso.