Alvignano. Scatta caso di TSO per malattia mentale

Gli interventi terapeutici non sono stati accettati dal paziente

Alvignano. Il Sindaco Angelo Francesco Marcucci ha emesso ordinanza per disporre l’ ’immediata esecuzione del T.S.O. Extraospedaliero  presso il proprio domicilio a carico di un soggetto infermo di mente  e residente a Alvignano.

Il provvedimento prevede per il  T.S.O. in condizioni di degenza Extraospedaliera ed e’ fondato sulla proposta del dottor Cinotti Giuseppe che  in data 19/11/2019 ha chiesto di sottoporre  a trattamento sanitario obbligatorio in condizione di degenza extraospedaliera il paziente  affetto da scompenso psicotico in paziente con disturbo bipolare;

Tale proposta rientra nell’ambito della normativa prevista ai sensi della legge 13 maggio 1978 n. 180.

Si tratta, infatti, di  persona affetta da alterazioni psichiche tali da richiedere urgenti interventi terapeutici e sussistono le condizioni e le circostanze che consentono di adottare tempestivamente ed idonee misure sanitare extraospedaliere.

La obbligatorieta’ delle misure sanitarie scaturisce dalla circostanza  che gli interventi terapeutici necessari non sono stati accettati dall’infermo.

La  proposta di Trattamento Sanitario Obbligatorio in condizioni di degenza Extraospedaliera è stata convalidata dal dott.ssa Piccirillo Milena medico della Struttura Sanitaria Pubblica psichiatra UOSM 15 ASL CE, il quale ha proposto anche che l’infermo di mente sia sottoposto a trattamento Sanitario Extraospedaliero presso il domiciliare per il solo fine della somministrazione della terapia.

L’ordinanza di TSO, corredata dalla proposta medica, deve essere notificata, entro 48 ore dal TSO extraospedaliero, a cura del messo comunale, al  Giudice Tutelare presso la Volontaria Giurisdizione del Tribunale di S. Maria C. V. unitamente alla proposta ed alla convalida di T.S.O. in condizioni di degenza Extraospedaliera, rispettivamente redatte dai Medici Dott. Giuseppe Cinotti e Dott. Piccirillo Milena.