Rinascere dal dolore: Gianpietro Ghidini incontra gli studenti del “Giordani”

La Preside Antonella Serpico ha voluto fortemente l'incontro che ha dedicato agli studenti del Giordani, come importante momento di riflessione, condivisione e crescita in apertura della settimana dello studente.

Lunedì 9 dicembre prossimo – presso l’ITI-LS “F.Giordani di Caserta Gianpietro Ghidini della Fondazione PesciolinoRosso racconterà la propria storia e quella di suo figlio Emanuele, morto a 16 anni.

Dopo la morte di Ema papà Gianpietro con la sua famiglia ha passato giorni terribili, ma dopo pochi giorni, però, qualcosa è cambiato. Un sogno straordinario ha risvegliato in lui un’energia inspiegabile ed che ha deciso di convogliare dedicando la sua vita ai giovani e alla loro crescita.

Durante ogni incontro, nelle scuole, negli oratori, nei teatri, le parole autentiche e dolci della voce di papà Gianpietro entrano nel corpo di chi le ascolta e così accanto ad ognuno è come se ci fosse Emanuele che con un abbraccio, ci comunica che suo padre sta donando la vita, a tutti i giovani che vogliono vivere ed iniziare ad apprezzare la vita per la sua interezza, senza artifizi.

Una forte testimonianza di vita e di rinascita dal dolore per cercare di condividere l’idea che non solo si può sopravvivere al dolore, ma che le sofferenze e le difficoltà che si incontrano possono renderci migliori, quello che oggi sembra farci cadere potrà essere ciò che domani ci aiuterà a stare in piedi.

Un incontro che la Preside Antonella Serpico ha voluto fortemente e dedicato agli studenti del Giordani, come importante momento di riflessione, condivisione e crescita in apertura della settimana dello studente.

Gianpietro Ghidini ha già avuto in tutta Italia oltre 1.500 incontri, con più di 350.000 tra genitori ed alunni.