Arresti domiciliari per stalking di un 43enne di San Nicola la Strada

Le indagini portate avanti dai Carabinieri di San Nicola la Strada e di Marcianise avevano portato ad accertare le pressanti minacce ed aggressioni nei confronti della sua ex compagna. L'uomo recidivo, in quanto già agli arresti domiciliari per maltrattamenti in famiglia, hanno portato il GIP ad ordinare gli arresti domiciliari al fine di evitare un nuovo caso di "femminicidio"

SAN NICOLA LA STRADA – Un 43enne residente in San Nicola la Strada è finito agli arresti domiciliari, con la terribile accusa di “stalking” nei confronti della sua ex compagna, su ordine del Giudice per le Indagini Preliminari (GIP) che ha convalidato l’arresto ritenendo assolutamente incontrovertibili gli atti ed i riscontri effettivi raccolti dagli uomini dell’Arma dei Carabinieri della Compagnia di Marcianise coadiuvati dalla Stazione dei Carabinieri di San Nicola la Strada comandata dal Maresciallo Rocco PERRONE, che hanno trovato il pieno assenso della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere.

Ad indagare, come detto, la Compagnia di Marcianise e la Stazione di San Nicola la Strada, i cui investigatori hanno raccolto gravissimi indizi a carico del 43enne che era già stato agli arresti domiciliari per ripetuti maltrattamenti in famiglia. Una volta tornato in libertà, secondo quanto accertato, aveva continuato nei suoi atteggiamenti minacciosi, sia verbali che fisici.

Infatti, in almeno due occasioni aveva aspettato la donna nei pressi della sua abitazione arrivando ad aggredirla fisicamente. In altre occasioni l’ex è stata violentemente minacciata di morte anche alla presenza del figlio minore. Una situazione che, se fosse continuata, sarebbe potuto finire ancora peggio, magari andando ad aumentare i casi di “femminicidio”.

Di fronte a tale tragica eventualità è dovuta intervenire la Procura della Repubblica che ha trovato l’appoggio del GIP.