Carinaro/variante Marican: il sindaco Affinito risponde a Masi con una lunga missiva

“Libertà di stampa equivale a libertà di pensiero….ma il pensiero che un giornalista esprime nei suoi articoli  con critiche, supposizioni e conclusioni univoche su atti amministrativi presuppone dovute verifiche delle notizie pubblicate e soprattutto confronto con le persone coinvolte. (le campane devono suonare appaiate)

Carinaro– Dopo la vicenda che ha interessato la “Variante Marican”, Il sindaco Nicola Affinito, in una lunga missivapunta il dito contro le dichiarazioni rilasciate da Masi, revocandogli anche la delega a rappresentante del Comune di Carinaro nell’ambito del consorzio industriale Asi di Caserta. (Il Consigliere aveva già a sua volta rassegnato le dimissioni dalla carica di capogruppo e delegato all’urbanistica). Il sindaco esprime, inoltre,una considerazione sulla libertà di stampa, sottolineando che i giornalisti dovrebbero sempre verificare le fonti da cui attingono le notizie. 

LA MISSIVA DEL SINDACO

“ Il sottoscritto, facendo seguito alle gravi affermazioni contenute nella lettera scritta  dal Consigliere Masi e alla discussione avvenuta in una riunione di maggioranza dove lo stesso ha ribadito ancora una volta la sua convinzione che l’attuale amministrazione possa essere in qualche modo responsabile dei ritardi dell’approvazione di alcuni atti amministrativi e dove sono emersi ancora una volta i suoi dubbi sull’integrità morale del sottoscritto e dei componenti della maggioranza, non può non esimersi da considerare il pensiero del consigliere estremamente offensivo e lesivo non solo e soprattutto per il sottoscritto ma anche per gli altri membri della maggioranza.

Ritengo che le stesse affermazioni non prestino alcun dubbio sulla gravità sia dell’aspetto politico ma ancora più grave lo sono sotto l’aspetto personale.

Vi riporto solo alcune affermazioni riportate nell’articolo del Consigliere Masi per rendervi partecipe di quanto lui oggi pensa del Sindaco e della maggioranza:

ad oggi non vi sono più le condizioni perché io possa continuare a farmi carico di tali responsabilità per la scarsa collaborazione generalmente riscontrata, così scarsa da avermi convinto che le condizioni mancassero dall’inizio

quest’amministrazione non ha voluto ….

un odioso doppiopesismo che genera più di qualche cattivo pensiero…”

”si rema nella direzione opposta e mi tocca prenderne atto…”

Questa stessa missiva inoltre ha generato e innescato un’ inutile speculazione giornalistica che ha avuto come unico filo sottinteso quello di voler far emergere un invisibile  male affare e un inesistente losco patto tra politica e imprenditoria.

È inutile affermare che naturalmente sono solo il frutto di supposizioni, se quanto dichiarato dalla stampa fosse  supportato da prove concrete e reali sarebbe dovuto essere consegnato e denunciato alla Procura.

Vi riporto anche quando affermato in uno di questi articoli per capire il senso di disprezzo che emerge dalle testuali parole, le stesse parole che la maggioranza e il sottoscritto ha contestato nella riunione al consigliere Masi e al quale si è chiesto di  dissociarsi:

alla luce dei contenuti esplosivi della lettera di Stefano Masi, uno dei pochi, se non l’unico, ad aver lottato affinché fosse revocato un permesso a costruire che puzza di tutto, ma proprio di tuttoperché dentro c’è il paradigma della mala-amministrazione, della mala-politica, dell’attitudine al compromesso al ribasso, della specialissima capacità di chi ricopre incarichi importanti e prestigiosi in rappresentanza dello Stato”.

Libertà di stampa equivale a libertà di pensiero….ma il pensiero che un giornalista esprime nei suoi articoli  con critiche, supposizioni e conclusioni univoche su atti amministrativi presuppone dovute verifiche delle notizie pubblicate e soprattutto confronto con le persone coinvolte. ( le campane devono suonare appaiate)

Ritengo eccessivo quanto voluto far emergere negli articoli di stampa recentemente pubblicati soprattutto per il motivo che l’atto amministrativo in questione è al momento inefficace e vi espongo anche brevemente le ragioni.

Il permesso a costruire è archiviato e sospeso a seguito di comunicazioni degli uffici del Comune e a seguito di un ricorso al TAR evocato da una parte dei proprietari dei terreni oggetto del permesso; in merito invece alla Variante al Puc è stata oggetto di una verifica delle forze dell’ordine e nonostante le difficoltà della burocrazia e dei paletti normativi sarà oggetto di un parere di un esperto per la verifica degli atti procedimentali.

Atti e comunicazioni anteriori alle dimissioni del consigliere Masi.  

Ritornando al rapporto con il consigliere Masi ribadisco che avendo appurato che esistono ancora perplessità e timori sul sottoscritto e sulla maggioranza, in qualità di “amministratori collusi” con imprenditori, burocrati e vice prefetti a dir suo poco raccomandabili non posso che prenderne atto e agire di conseguenza.

Vi ricordo che la carica di delegato in una maggioranza consiliare è data ai Consiglieri non nominati Assessori per collaborare in materie specifiche facendo da supporto all’operato del Sindaco e con gli altri assessorie che lo stesso rapporto è basato e fondato su un pattofiduciario che serve a formulare proposte e soluzioni

(art. 50 Tuel); venendo meno tale presupposto fondamentale che è alla base di qualsiasi rapporto tra persone che collaborano a un progetto o a un lavoro comune, ritengo, ad oggi, opportuno accettare le dimissioni da capogruppo della maggioranza dalla delega all’Urbanistica e di revocare la delega alle Attività Produttive e di destituire lo stesso Consigliere Masi dalla Nomina a rappresentante dell’Ente comunale di Carinaro all’assemblea del Consorzio Asi.

Le deleghe e la rappresentanza dell’Ente nel Consorzio Asi resteranno in pectore al sottoscritto.

Voglio rappresentarvi che tale decisione è un provvedimento che non avrei preferito assumere e che mi dispiace profondamente perseguire tale strada ma al momento credo e penso che sia l’unica via possibile vista l’intransigenza mostrata dal Consigliere Masi.

Allo stesso tempo sono fiducioso che lo stesso possa rinsavire e possa decidere di continuare il percorso di rinnovamento intrapreso da questa amministrazione anche con tutte le difficoltà e peculiarità che un’amministrazione giovane e con anime diverse rappresenta.

Come già ribadito nella precedente missiva ribadisco che questa amministrazione proseguirà il suo cammino perseguendo gli obbiettivi indicati nel programma elettorale e che lo stesso sarà sempre il faro diriferimento della maggioranza. Proseguiremo il nostro percorso con il più alto senso del dovere, di dedizione, di legalità ed onestà cosi come richiesto dal compito affidatoci all’indomani della nostra elezione nel rispetto dei cittadini che ci hanno dato fiducia e perseguendo esclusivamente gli interessi della nostra comunità”