CASERTA – Chiude il Circolo Nazionale. Consigliere Ciontoli: “il Sindaco intervenga!”

Richiesto l’intervento di tutte le Autorità e le Associazioni: l’asta il prossimo 11 gennaio

di Alessandro Fedele

Caserta ha bisogno di tutelare le ultime tracce importanti del suo illustre passato, sarà questa l’occasione per rilanciare il clima di disaffezione e di sfiducia“. Con queste parole si è espresso sui social il Consigliere comunale Antonio Ciontoli, il quale ha comunicato alla Città di Caserta una triste e drammatica notizia: il Circolo Nazionale è prossimo alla chiusura.

Pubblicità

Dal 1867, lo precisa anche Ciontoli, esiste un sodalizio, quello più antico a Caserta, tra Città e Provincia, che in tempi moderni ha acquisito la denominazione di Circolo Nazionale e che originariamente era la Casina Militare, voluta da Re Ferdinando II di Borbone.

All’asta per 1milione di Euro

L’Agenzia del Demanio, sotto la direzione regionale, ha decretato lo scorso 29 novembre 2018 l’allineamento del Padiglione “Demanio Trieste”. L’ingresso di Piazza Dante, al civico n.10, rientra infatti nel progetto di allineamento.

L’immobile, sia locale commerciale che culturale, è stato dichiarato di interesse storico-architettonico e oggi sta per finire all’asta per un prezzo base di 1milione, 71mila, 800euro.

Pubblicità

Il Circolo, dai tempi della realizzazione che ha dato ospitalità a personalità storiche di rilievo – lo ricorda anche il Consigliere Comunale – è il parterre della città, il luogo del confronto, la sosta preferita di tanti casertani, la vetrina di un territorio che, malgrado ogni notizia negativa, lotta e resiste.

Negli anni – ricorda Antonio Ciontoli – il Circolo è diventato, anche per la centralità della sede, il punto di riferimento del dibattito culturale in Città, il luogo di passaggio e di presenza di numerosi intellettuali che hanno trovato nell’ambiente il fervido contesto del dibattito e del confronto aperto a singoli ed associazioni“.

“Il Sindaco intervenga!”

L’11 gennaio 2019, alle ore 12:00, scadrà il termine ultimo per la presentazione delle offerte di acquisto e lo stesso Consigliere Comunale chiede al Sindaco avv. Carlo Marino e al Presidente del Consiglio Comunale di avviare una convocazione ad horas del “Civico Consesso”.

Nell’istanza inviata al Sindaco e al Presidente del Consiglio Comunale, inoltre, si legge un’esplicita richiesta di pressione al Prefetto, al Demanio, al Mibact, alla Soprintendenza, al Ministero della Difesa, al Coordinamento delle Associazioni cittadine (Coasca), alla Società di Storia Patria, per avviare ogni attività utile ed ultima per la conservazione del prestigioso sodalizio e per preservare la comunità casertana da un’ulteriore perdita di storia e di identità.

Antonio Ciontoli

Il Sindaco – afferma Ciontoli – stringa la Città intorno al Circolo Nazionale. Con tutto il rispetto per qualsivoglia catena commerciale o altra attività interessata ai locali – continua il Consigliere – Caserta ha bisogno di tutelare le ultime tracce importanti del suo illustre passato, sarà questa l’occasione – domanda – per rilanciare il clima di disaffezione e di sfiducia, solidificando l’appartenenza ad un territorio meraviglioso che nessuno potrà considerare in dismissione e svendita? 

Pubblicità
Share Button
Pubblicità