CASERTA, IL LICEO MANZONI ENTRA NELLA RETE SCUOLE SMART

CASERTA – Il liceo di Caserta, l’Alessandro Manzoni va ad entrare ufficialmente, in quella che è la rete nazionale scuole smart (RNSS)

Nella giornata di ieri – ossia venerdì 26 febbraio –  all’interno del plesso scolastico, si è svolta una riunione, in modalità smart, sulla piattaforma Microsoft Teams, la Prima Assemblea Nazionale della RNSS, presieduta dall’Ing. Antonio Iaconianni, Dirigente Scolastico del Liceo classico “Telesio” di Cosenza, scuola capofila della Rete.

Il dirigente scolastico l’ing. Antonio Iaconianni ha così commentato: “La Rete Nazionale Scuole Smart si propone di mettere a punto, condividere e diffondere best practises di smart working in àmbito scolastico, al fine di migliorare il servizio in lavoro agile, e di didattica digitale integrata, anche in funzione del rinnovamento metodologico-didattico delle discipline del curricolo; la RNSS mira inoltre a favorire sinergie ed intese a livello istituzionale, proponendosi di promuovere lo smart working e lo smart learning, DAD di concerto con il Ministero dell’Istruzione, con cui intende collaborare anche per definire i confini normativi di suddette attività.”

Obiettivo della Rete è anche quello di creare un Portale dedicato ed un Osservatorio della RNSS, per la raccolta di informazioni e per il monitoraggio, nonché promuovere attività e laboratori di ricerca e formazione.

Quella che è stata invece la  referente per il Liceo “Manzoni” di Caserta, risulta essere la Prof.ssa Giovanna Battaglino, che lavora all’interno della scuola come docente di ruolo di greco e latino, già dottore di ricerca in filologia classica e cultore della materia stessa.

Sulla tematica si è   pronunciata anche la preside del Liceo ossia, Adele Vairo  con tali dichiarazioni “Il liceo A. Manzoni si conferma come liceo innovativo e lungimirante – afferma la D.S. dott.ssa Adele Vairo –  senza dubbio saprà, con la propria expertise, collaborare al meglio con le scuole aderenti alla Rete Nazionale Scuole Smart, per rendere più competitivo il sistema scolastico italiano”.