Caserta , Vicenda ” Angelo degli Ultimi”. Parla il consigliere Andrea Boccagna

"Ho agito solo per ragioni umanitarie"

Continua a far discutere il presunto affidamento della” casa del sorriso di Don Giorgio Quici” , struttura comunale per i senzatetto d via Mattei angolo via Mondo all’ associazione L’ Angelo degli ultimi della quale è Presidente Antonietta D’ Albenzio.

Presunto affidamento dicevamo, perchè se è vero che Don Antonello Giannotti ha inviato una mail al comune dove chiedeva l’ affidamento della struttura  a favore dell’ Associazione “ L’ Angelo degli ultimi“è pur vero che l’ Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Caserta, Maria Giovanna Sparago da noi interpellata ha smentito per ora ogni affidamento della struttura a qualsivoglia associazione.

Nell’ articolo da noi pubblicato in data odierna,avevamo anche parlato del consigliere comunale Andrea Boccagna come supporto ad Antonietta D’ Albenzio per la gestione della struttura . Come nostra abitudine abbiamo contattato lo stesso Andrea Boccagna al quale abbiamo chiesto chiarimenti in merito a tale situazione.

Ho conosciuto Antonietta D’ Albenzio circa un mese fa grazie ad un amico comune , membro dell’ associazione L’ Angelo degli Ultimi – ha dichiarato Andrea Boccagna – . La D’ Albenzio in quella occasione mi espose le problematiche che rendono difficile la gestione dei senzatetto. In questo periodo estivo poi la condizione dei clochard è ulteriormente rischiosa a causa della forte afa estiva. Per tali ragioni la D’Albenzio mi chiese di intervenire a che l’ aqssociazione L‘ Angelo degli Ultimi potesse usufruire della struttura di via Mondo, e cio’ solo e soltanto al fine di trovare una sistemazione adeguata per i senzatetto.

Colpito profondamente dal disagio quotidiano dei clochard che la stessa D’ Albenzio mi aveva illustrato anche con testimonianze e con foto raccapriccianti decisi di farmi promotore della proposta della stessa D’ Albenzio per ragioni esclusivamente umanitarie.

Ben presto , in seguito al mio intervento l’ Angelo degli Ultimi inizio’ ad usufruire della struttura in via Mondo. L’ impegno e la passione  da sempre dimostrata verso gli emarginati e gli invisibili da tutti i componenti dell’ Angelo degli Ultimi mi convinsero a rivolgermi alla Caritas nella persona di Don Antonello Giannotti al fine di verificare se ci fossero o meno i presupposti per concedere all’ Associazione di Antonietta D’ Albenzio l’ affidamento dei locali di via Mondo. 

Non bisogna dimenticare che questa associazione per la propria azione caritatevole utilizza la stazione ferroviaria di Caserta senza una sia pur minima sede per accogliere i senza tetto.

In questo modo dal mio punto di vista, l’ azione sociale a tutela dei clochard , sarebbe stata più’ incisiva ,dal momento che la Caritas avrebbe operato in modo diretto sul territorio attraverso l’ associazione di Antonietta D’ albenzio che comunque , come riconosciuto dallo stesso Don Antonello Giannotti, lavora quotidianamente in trincea per salvare la vita dei senzatetto.

Ribadisco per concludere che la mia è stata solo ed esclusivamente un’ azione umanitaria e poco importa se questo ha suscitato la rabbia di qualche assessore o consigliere comunale che evidentemente cerca di sfruttare il disagio dei senzatetto e dei bisognosi per visibilità Politica e mediatica.”