CLAN DEI CASALESI, IL RACKET DELLE ESTORSIONI. Arrestati Cesario Caterino e Raffaele Rao

CASERTA – Nella giornata odierna, personale della Squadra Mobile di Caserta ha tratto in arresto Cesario Caterino, 58 anni, e Raffaele Rao, 67 anni, poiché colpiti da Ordini di Esecuzione per la Carcerazione, emessi il 19 giugno 2019 dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Napoli – Ufficio Esecuzioni Penali.

Entrambi gli arrestati furono coinvolti in una vasta indagine, perché in concorso ed anche in riunione tra loro e con altri e ciascuno consapevole del contributo causale degli altri, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, con minaccia consistita nel far valere nei confronti delle persone offese l’appartenenza al gruppo denominato Caterino – Ferriero intimavano ad un imprenditore edile di consegnare a partire dal 2005 e fino a data successiva e prossima al febbraio 2009 somme di denaro, presentandosi a nome di Nicola Caterino, mandante della complessiva operazione illecita.

Nicola Caterino è elemento di spicco di una associazione armata di tipo mafioso denominata “gruppo Caterino – Ferriero” operante nel territorio comunale di Cesa, associazione criminale facente capo alla confederazione camorristica denominata “clan dei Casalesi”. Gli odierni arrestati, in particolare, sono stati riconosciuti responsabili di estorsione in concorso aggravata anche dalle leggi antimafia così dovendo espiare Caterino la pena della reclusione per 4 anni e 8 mesi; il Rao la pena della Reclusione per 5 anni. Terminati gli atti di rito, Catero Cesario e Rao Raffaele sono stati associati presso la Casa Circondariale di S. Maria Capua Vetere.