CORONAVIRUS – Un caso positivo comunicato dal sindaco Giovanni Lombardi

"Il nostro concittadino al momento è presso il proprio domicilio (che non ha mai abbandonato negli ultimi 15 giorni), apparentemente in discrete condizioni cliniche. Per lui e per i suoi contatti familiari è scattata la misura di quarantena obbligatoria. Invito la cittadinanza a non creare allarmismi, ed oggi più che mai, a restare a casa”

CALVI RISORTA – Nella giornata di lunedì, 30 marzo 2020, il Sindaco di Calvi Risorta (CE), Giovanni LOMBARDI, è stato portato a conoscenza della positività al COVID-19 di un suo concittadino. Con la responsabilità che lo contraddistingue, il primo cittadino ne ha dato notizia sulla propria pagina Facebook a tutta la comunità calena: “Da poco sono stato informato della positività al test di un cittadino caleno.

Al fine della tutela della pubblica incolumità, insieme con il comando dei Vigili Urbani e con l’ausilio dell’Asl e dei Carabinieri della stazione di Calvi Risorta, stiamo tracciando il percorso e la catena dei contatti con l’obiettivo di individuare il focolaio. Il nostro concittadino al momento è presso il proprio domicilio (che non ha mai abbandonato negli ultimi 15 giorni), apparentemente in discrete condizioni cliniche. Per lui e per i suoi contatti familiari è scattata la misura di quarantena obbligatoria.

Invito la cittadinanza a non creare allarmismi, ed oggi più che mai, a restare a casa”. Alcune ore dopo il primo cittadino ha pubblicato un aggiornamento in proposito: “Con grande senso di responsabilità da parte del paziente e dei familiari, ho ricevuto il consenso a divulgare l’identità del paziente. Si tratta di…. (noi ci asteniamo e vi rimandiamo a leggere il post del Sindaco). Con la collaborazione di tutto il nucleo familiare, abbiamo ricostruito i contatti del nostro concittadino: rassicuro la popolazione che nessuno contatto è stato ritenuto rischioso.

Confermata la misura di quarantena, oltre che per lui, anche per i familiari stretti che verranno a breve sottoposti al tampone. Per la moglie invece il test è già risultato negativo. G.M. sta discretamente bene, si trova presso il suo domicilio e sarà seguito giornalmente dall’Asl e dal proprio medico di famiglia. A lui ed ai suoi familiari il più sentito in bocca al lupo da parte mia e dell’intera cittadinanza”.