Domani si ricorda la poetessa Laura Beatrice Oliva Mancini: 150° anniversario della morte

Domani 17 luglio presso il Quadrato delle Personalità illustri nel Cimitero di Poggioreale di Napoli sarà ricordata la poetessa Laura Beatrice Oliva Mancini, definita la “poetessa del Risorgimento Italiano”. Domani, infatti cadrà il 150esimo anniversario dalla morte.

Diversi enti ed associazioni partecipano: il Comune di Napoli, l’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, comitato organizzatore di Caserta, la Società di Storia Patria di Napoli, l’Associazione Culturale “Alessandro Poerio” e vicepresidente per il Sud del Coordinamento Nazionale delle Associazioni Risorgimentali. Interverranno Nino Daniele, assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, Renata De Lorenzo, presidente della Società Napoletana di Storia Patria, Nicola Terracciano, presidente del Comitato Provinciale di Caserta dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano e Anna Poerio Riverso, presidente dell’Associazione Culturale “Alessandro Poerio” e vicepresidente per il Sud del Coordinamento Nazionale delle Associazioni Risorgimentali.

La sezione di Caserta dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano sarà presente, in quanto “Laura Beatrice Oliva Mancini – come afferma il professore Nicola Terracciano – , oltre che con Napoli, è legata a doppio filo con Caserta: la figlia scrittrice Grazia e il genero Augusto Pierantonio, volontario garibaldino nel 1860, professore universitario, deputato e senatore, furono animatori a Caserta di un cenacolo culturale nella villa Mancini, dove si conservano le memorie di famiglia Mancini-Oliva per l’Italia e per la città. La Oliva Mancini è considerata una gloria femminile risorgimentale napoletana di livello nazionale.”

La poetessa Oliva Mancini, figlia del letterato Domenico, sposò il noto politico e avvocato irpino Pasquale Stanislao Mancini, condividendo le sue idee di opposizione al governo napoletano ed alla dinastia dei Borbone.