Dopo il sopralluogo di ieri, Del Monaco chiede il tavolo tecnico

Ieri vi avevamo informato sul sopralluogo dell’onorevole Del Monaco sulla strada dai giardinetti alla fondo Valle per esaminare le varie criticità. Oggi prontamente la lettera alle autorità competenti per l’insediamento urgente di un tavolo risolutivo.

Eccone il testo integrale:

Oggetto: richiesta tavolo tecnico-gravi problemi di viabilità nel tratto di strada da “località Giardinetti” fino a Ponti della Valle di Maddaloni, ex SS 265 attuale SP 335, e relative competenze.

A seguito del sopralluogo tenutosi in data 6 luglio 2020 presso il sito in oggetto, lo scrivente, in accordo con gli interessati presenti al suddetto sopralluogo, ANAS compresa, ha potuto verificare le non poche difficoltà presenti sul tratto stradale in oggetto.
Nonostante i vari interventi, anche da parte dell’ ANAS, sulla tratta di competenza, continuano a verificarsi, sistematicamente, diversi incidenti, molti dei quali mortali.
Sulla pericolosità di tale strada incide senza dubbio anche il continuo attraversamento di mezzi pesanti che trasportano gli inerti calcarei e le terre di scavo ricavati sia dal Tunnel ferroviario che dai cantieri dell’Alta Velocità e alta Capacità della Napoli/Bari.
Purtroppo, come ribadito in diverse occasioni, si riscontra una notevole difficoltà in termini di viabilità, sia per gli automobilisti che per i residenti della zona, i quali non hanno alcuna possibilità di passare da un lato all’altro della strada: infatti, sull’angusta strada di due carreggiate vige la doppia striscia continua ininterrotta per circa cinque chilometri, non permettendo pertanto a tutti i frontalieri, gli opifici, negozi, punti vendita e residenti con immissioni a raso né l’inversione del senso di marcia né il cambio di corsia, se non con un’infrazione del codice della strada.
È bene tener presente che tale arteria attraversa aree residenziali e si collega alla stazione Ferroviaria di Valle di Maddaloni.
Siamo a conoscenza di un progetto/proposta presentato all’ANAS, da parte dei Comuni di Maddaloni e Valle di Maddaloni e votato all’unanimità dai rispettivi Consigli Comunali lo scorso anno, anche a seguito di alcuni incontri presso la Prefettura di Caserta.
Ciò che va rivalutata è la competenza comunale di parte della strada: il tragitto che va dalla zona dei cosiddetti “Giardinetti” fino al bar/chiosco nei pressi dell’area di servizio di recente costruzione è di circa 1,4 Km, di competenza del comune di Maddaloni; fatta eccezione di un breve tratto della strada di competenza dell’ANAS, si ritorna ad un’altra competenza comunale, quella di Valle di Maddaloni, per circa 1 Km. Non è possibile apportare soluzioni parziali su una strada ad altissima percorrenza e quindi a rischio continuo di sinistri.
Si ritiene ormai indispensabile la messa in sicurezza della strada, integralmente, partendo proprio dal progetto/proposta presentato e verificando le condizioni di attuabilità dello stesso.
La precaria situazione, diventata insostenibile da parte dei cittadini e residenti della zona compresa fra i due comuni, rischia di alimentare ulteriori malumori e sfociare in rabbia, scatenando proteste spontanee degli stessi.
Pertanto si richiede un autorevole intervento presso la Prefettura di Caserta attraverso un tavolo tecnico, come lo fu per lo scorso anno, di tutti i soggetti in indirizzo, al fine di evitare che la situazione degeneri ulteriormente e trovare un punto di incontro per ovviare a quest’annosa problematica: è auspicabile valutare che l’intera tratta diventi di competenza dell’ANAS, per una risoluzione definitiva in merito alle modifiche necessarie per la sicurezza e la manutenzione della strada in oggetto.
Nell’attesa di un Vostro riscontro e ringraziando per l’attenzione e la disponibilità, porgo distinti saluti.