È al sicuro il clochard “Bambi” della Rotonda grazie al “Nucleo Reggia” dell’A.N.C.

Il giovane migrante, conosciuto da tutti con il nome "Bambi", si trova presso la “Casa del sorriso di Don Giorgio Quici” ed è costantemente aiutato dai volontari dell'ANC "Reggia". Il Nucleo Reggia opera anche nel sociale, al servizio dei fratelli più bisognosi.

A dicembre 2018 e gennaio 2019 il nostro territorio venne colpito da una forte ondata di “gelo artico” che mise a rischio la vita di alcuni clochard che stanziavano lungo l’Emiciclo Ovest della Rotonda di San Nicola la Strada. In particolare, c’era un giovane migrante poco più che ventenne che stazionava di notte, oramai da diverse settimane, presso il lato ovest della Rotonda, e più precisamente presso l’ex ristorante “Hell”.

In quei giorni e nelle settimane successive, un nucleo di “Angeli custodi”, rappresentati dai Volontari del Nucleo “Reggia” dell’Associazione Nazionale Carabinieri (ANC), coordinati dal Andrea CORAZZA, vigilava su di lui. Più volte nel corso della notte andavano a controllare come stesse, gli portavano coperte, panni pesanti, cibo e bevande calde.

Il loro aiuto, però non si è fermato a questi interventi di prima necessità. Insieme a loro c’erano anche agenti della Polizia Municipale e Volontari della locale Protezione Civile sannicolese che andavano in giro appena calava la sera e fino alle ore 02.00 per le strade della cittadina alle porte di Caserta ed anche della stessa città capoluogo per assicurare un aiuto concreto ai senza fissa dimora.

Ben otto unità di volontari con due auto istituzionali, hanno pattugliato il territorio di Caserta e di San Nicola la Strada, per portare assistenza ed il risultato fu subito evidente: in quelle settimane di gelo artico non si calcolarono vittime del gelo. In più ci fu anche una buona notizia: al clochard/migrante, che si chiama “Bambi” lunedì 14 gennaio 2019 venne trovato un letto nella “Casa del sorriso di Don Giorgio Quici”, con la speranza e l’augurio che il giovane, in condizioni psichiche precarie, potesse rimanervi a lungo.

Le settimane ed i mesi sono trascorsi e sabato, 20 luglio 2019, abbiamo avuto la notizia, da parte del Nucleo “Reggia” dell’ANC, che Bambi (che ora è completamente rinato ed integrato con la comunità dove lavora) si trova presso la struttura che si trova nelle vicinanze di “Dove c’era una volta l’America”, con don Antonello e Antonietta D’ALBENZIO, che ha come mission l’assistenza e l’advocacy alle persone in indigenza e, soprattutto, ai senza dimora.

Infatti, nella giornata di ieri sono finalmente stati recapitati i letti a castello ed i materassi con i quali i poveri, “gli ultimi”, possono trovare accoglienza e non solo. Tutte le attività sono realizzate prevalentemente in regime di autofinanziamento. Nella ‘squadra’ militano volontari con specifiche professionalità che operano attraverso il volontariato.

L’obiettivo è quello di trasformare gli “ultimi” da detentori di bisogni in risorse per la società civile. Un sentito “grazie” a tutti coloro che si impegnano affinché la solidarietà umana non venga abbandonata a se stessa.