Giovane donna muore dopo un aborto, 7 medici casertani sotto processo

CASERTA – Tornano ad accendersi i riflettori sulla vicenda legata alla morte colposa di Maria Ammirati, la donna di 35 anni deceduta nel 2012 dopo un aborto e un’odissea tra lo studio medico del ginecologo privato e gli ospedali di Caserta e Marcianise.

Dopo la condanna in primo grado ottenuta lo scorso anno dai 7 medici imputati (3 invece furono assolti), era previsto per ieri l’avvio del processo di secondo grado, che però è stato rinviato al 21 gennaio prossimo, davanti ai giudici della Corte di Appello di Napoli, per un difetto di notifica ad uno dei medici coinvolti.

I parenti della giovane defunta, intanto, continuano a chiedere a gran voce che venga fatta giustizia.