I Genieri di Caserta bonificano bomba del secondo conflitto mondiale

L’intervento, che sarà effettuato a Battipaglia il prossimo 8 settembre 2019, prevede l'evacuazione di 36.000 persone.

CASERTA – È una bomba di aereo inglese della seconda guerra mondiale dal peso di circa 250 libbre (circa 113 chili) quella che dovrà essere rimossa domenica 8 settembre 2019 nel territorio del comune di Battipaglia, in provincia di Salerno. Per effettuare il disinnesco dell’ordigno ancora in gradi di procurare gravissimi danni sono stati chiamati gli artificieri del 21° Reggimento Guastatori di stana a Caserta ed inquadrati nella Brigata Bersaglieri “Garibaldi”. Per mettere l’area in completa sicurezza saranno allontanate circa 36mila persone per consentire le operazioni di bonifica. Le operazioni, come ha fatto sapere la Prefettura di Salerno, dovrebbero iniziare alla ore 5.00 e potranno protrarsi per 8/12 ore.

Oltre alla popolazione saranno evacuati l’ospedale “Santa Maria della Speranza”, le sedi di Commissariato di P.S., il Comando Compagnia Carabinieri, il Nucleo Operativo Guardia di Finanza, il Municipio ed il Comando della Polizia Locale. Inoltre saranno interrotte la circolazione sull’Autostrada del Mediterraneo e sulla statale “Tirrena Inferiore” e la circolazione ferroviaria (linea Salerno-Reggio Calabria e linea Battipaglia-Potenza-Metaponto).

Anche l’erogazione dei servizi essenziali, in particolare energia elettrica, gas, linee telefoniche fisse e mobili, verrà sospesa. La Prefettura di Salerno, d’intesa con il Genio Militare, ha istituito per l’occasione un “Centro di coordinamento soccorsi”. Il dispositivo di Protezione Civile, che ha richiesto in questi mesi una complessa attività di pianificazione per i diversi profili (evacuazione e assistenza alla popolazione, aspetti sanitario, viabilità stradale e ferroviaria, servizi essenziali), sarà illustrato nei dettagli martedì, 27 agosto 2019, a Salerno, presso il palazzo di Governo.

Per gli artificieri specialisti nella bonifica di ordigni esplosivi del 21° Reggimento Genio Guastatori, coordinati dal Comando Forze Operative Sud di Napoli, l’operazione non è la prima e non sarà neppure l’ultima dall’inizio dell’anno. L’Esercito grazie alla capacità “dual-use” dei Reparti dell’Arma del Genio, oltre all’impiego operativo nelle missioni internazionali, è in grado d’intervenire in casi di necessità per la sicurezza e l’incolumità pubblica, nella bonifica degli ordigni bellici così come nei casi di pubbliche calamità. Ed è l’unica Forza Armata preposta alla formazione degli artificieri di tutte le Forze di Polizia, delle altre Forze Armate e dei Corpi.