LA BUTTOL CONTRO IL COMUNE DI S. FELICE

La Buttol è sul piede di guerra e ha iniziato a diffidare l’ente comunale di San Felice a Cancello per la mancata corresponsione di alcune spettanze, nonchè il mancato pagamento di alcuni canoni.

Qualche nozione su quella che è la Buttol.

La Buttol Srl nasce nel 2009 a Quero Vas (BL) per acquisizione del ramo d’azienda della Buttol sas (azienda attiva già dagli anni ’70) come operatore, sull’intero territorio italiano, nel ciclo di trattamento dei rifiuti, nei servizi di logistica integrata sia per i rifiuti solidi urbani che per quelli speciali pericolosi e non.Conclusa la fase di avviamento aziendale nel Veneto, Buttol s.r.l. ha acquisito la gestione di servizi ambientali per conto di Amministrazioni Comunali prima in Campania, successivamente in Toscana e ad oggi, in Puglia, superando nei primi 8 anni di attività il traguardo delle 25 Amministrazioni Comunali servite.
Nel 2018 e in proiezione nel 2019, ha espresso un fatturato annuo di circa 50 milioni di euro, coinvolgendo oltre 1.000 dipendenti nelle diverse città in cui opera, erogando servizi ad un bacino d’utenza di quasi 1.000.000 di abitanti.

Ai sensi del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (e s.m.i.), Buttol Srl è iscritta presso l’ Albo Nazionale Gestori Ambientali, strumento di qualificazione delle imprese per tutti i soggetti che operano nel complesso sistema della gestione dei rifiuti, per le seguenti categorie e classi:
• CATEGORIA 1 [raccolta e trasporto di rifiuti urbani e assimilati] classe A;
• CATEGORIA 4 [raccolta e trasporto di rifiuti speciali non pericolosi] classe C
• CATEGORIA 5 [raccolta e trasporto di rifiuti speciali pericolosi] classe D
 CATEGORIA 8 [Intermediazione dei rifiuti senza detenzione] classe C

 CATEGORIA 9 [Attività di bonifica dei siti] classe E

La predetta ditta ha dunque evidenziato l’inadempienza contrattuale da parte del  Comune di San Felice a Cancello, in merito ai canoni non corrisposti all’azienda, nonostante la regolarità del servizio di igiene urbana. A tal proposito, in data 8 gennaio 2021, la Buttol Srl ha diffidato il Comune a provvedere al saldo delle fatture non corrisposte. Ben tre mensilità da agosto a ottobre 2020.

Da chiarire ulteriormente la posizione dei dipendenti, ai quali è stata corrisposta la tredicesima mensilità, mentre per quella di novembre le difficoltà legate ai mancati pagamenti dell’amministrazione comunale hanno pregiudicato la capacità economica aziendale.