LA “NOTTE DEI LICEI ARTISTICI” AL DON GNOCCHI: L’INCANTO DELLE CREAZIONI DI MODA E IL RISPETTO

Il mese di dicembre ha assistito all’esordio di una novità importante nella offerta scolastica della nostra regione: la “notte dei licei artistici”, un evento concepito per illustrare la crescente importanza dei licei artistici nella nostra epoca dell’immagine e della creatività. L’iniziativa è stata promossa dalla Regione Campania, dall’Ufficio Scolastico Regionale e dalla rete dei Licei Artistici della Campania.
Il Liceo don Gnocchi di Maddaloni guidato dalla dirigente scolastica Annamaria Lettieri non poteva non essere presente all’appuntamento, con una kermesse che ha unito una sfilata di moda, una mostra di pitture, sculture e prodotti di moda elaborati dai ragazzi: poliedriche manifestazioni di creatività accomunate da un tema che fa da filo conduttore, quello del rispetto (della donna, dell’ambiente, della libertà) contro ogni forma di sopraffazione.
I ragazzi del don Gnocchi hanno esposto i loro disegni e manufatti frutto di diverse tecniche espressive, i busti in terracotta e le magliette realizzate con la tecnica dello spruzzo. Al culmine della serata la filata di moda con colonna sonora con motivi che evocano il senso di solidarietà e di fratellanza globale: We are the world, Heal the world di Michael Jackson, Imagine di John Lennon, Esseri Umani…
Da notare la sinergia tra i due indirizzi del Liceo artistico: quello della moda e il multimediale. “I due indirizzi si integrano e si completano – ci spiega la dirigente Annamaria Lettieri – infatti la moda e le attività artistiche (come la scultura, la pittura) tramettono i loro messaggi attraverso gli strumenti multimediali; la padronanza nella produzione di immagini e video arricchisce culturalmente i nostri studenti e nello stesso tempo li rende più pronti al mercato del lavoro: tanto le attività culturali quanto le attività commerciali e imprenditoriali oggi trovano un loro supporto fondamentale nelle competenze multimediali. Posso dire con orgoglio che i nostri docenti di indirizzo multimediale – insieme ai docenti dell’indirizzo moda – contribuiscono a stimolare in maniera davvero organica il background di conoscenze e competenze necessarie per proiettare i nostri studenti nel mondo del lavoro e della creatività”.
A sua volta la professoressa Rosanna de Lucia, dell’indirizzo moda del Liceo Artistico don Gnocchi, ci spiega il senso e il titolo della sfilata: “Nndrillant è il nome della sfilata e sta ad indicare nel gergo della sartoria napoletana i punti provvisori fissati su un abito, un simbolo significativo per un’epoca come la nostra che si sviluppa all’insegna della fluidità e degli imprevedibili cambiamenti. La sfilata ha voluto rappresentare per i nostri studenti un primo approccio alla haute couture (alta moda) con l’utilizzo di tessuti di lane pregiate e nello stesso tempo di ecopellicce, reti di lame’ con decori in cristalli e ricami in oro”.
Il bianco è stato il colore dominante della sfilata, a cosa alludeva? “L’ispirazione – ci risponde la professoressa De Lucia – è quella delle foreste nordiche innevate con gli scintillii dei ghiacci toccati dalla luce, l’effetto candido delle nevi e tutto quello che suggerisce il candore dell’inverno”.
Vi è stato però anche un richiamo sociale che la sfilata ha voluto valorizzare? “Sì, infatti, i modelli fanno riferimento allo stilista Mc Queen, che portava in passerella donne che erano state vittime di violenza; la violenza subita una volta portata in passarella diventava consapevolezza di donne che si scoprivano più forti e capaci di riscatto: non una donna che china il capo ma una donna rafforzata e ancora più consapevole”.
La manifestazione è stata anche l’occasione per premiare gli studenti dell’indirizzo artistico del don Gnocchi che sotto la guida della professoressa Lia Ruggero si sono distinti nel concorso bandito dalla associazione “Nel nome del rispetto” di Foligno con la realizzazione di un fumetto che aveva come tema i valori educativi dello sport: lealtà e rispetto.
Un illustre ospite e amico del Don Gnocchi, il dottor Filiberto Imposimato ha conferito un riconoscimento agli ex alunni del don Gnocchi ora in procinto di laurearsi alla Accademia delle Belle Arti che hanno prodotti disegni ispirati alla figura esemplare di Franco Imposimato, martire della legalità e protagonista delle battaglie sociali del Novecento. Filiberto Imposimato ha anche mostrato una serie di pregevoli fotografie artistiche e disegni realizzati a suo tempo dal padre.
Il sindaco di Maddaloni Andrea de Filippo presente alla manifestazione ha lodato l’organicità dell’impegno degli studenti del Don Gnocchi e il valore delle loro realizzazioni.