La Polizia di Aversa chiude autofficina-gommista abusiva in San Marcellino

Ai clienti presenti è stata comminata una sanzione amministrativa di 86 euro. Nell’officina, estesa su due livelli per un’area complessiva di circa 700mq., il gestore stivava centinaia di pneumatici nuovi e dismessi, pezzi di ricambio accatastati, marmitte vecchie ed oli esausti

SAN MARCELLINO – Nell’ambito del contrasto alle attività illecite in materia di ambiente sul territorio dell’agro aversano, personale appartenente all’ufficio amministrativo e delle volanti del locale Commissariato, diretto dal primo Dirigente, dr. Vincenzo GALLOZZI, e coordinati dal Commissario dr. Nicola LECCE, mercoledì, 27 maggio 2020, scoprivano in San Marcellino un centro meccanico e gommista completamente abusivo che stava operando con le saracinesche abbassate ma dal quale si accedeva da un carrello scorrevole previo appuntamento con il gestore.

L’attività abusiva era condotta da tale C.A., 38enne di Aversa, pregiudicato, in carenza non solo delle autorizzazioni amministrative, ma anche delle condizioni sanitarie minime, delle più basilari precauzioni contro gli incendi e della tracciabilità dei rifiuti speciali prodotti.

Nell’officina, estesa su due livelli per un’area complessiva di circa 700mq., il gestore stivava centinaia di pneumatici nuovi e dismessi, pezzi di ricambio accatastati, marmitte vecchie ed oli esausti.

I locali, ubicati sotto ad un edificio nuovo di tre piani, di proprietà di C.A. sono stati posti sotto sequestro con l’applicazione dei sigilli. Il gestore veniva denunciato per mancanza di normativa antincendio, immissione non autorizzata di fumi in atmosfera, di liquami in fogna e gestione illecita di rifiuti. Agli avventori presenti all’interno dell’attività abusiva veniva elevata una sanzione amministrativa pari a 86 euro.