L’I.C. “Fermi” dà il benvenuto a tre piccoli alunni ucraini. Fotogallery all’interno

Cervino – Gioia, colori, lacrime, sorrisi e tanta commozione. È così che si può sintetizzare la mattinata appena trascorsa all’ I. C. “Enrico Fermi”di Cervino. L’Istituto, infatti, ha avuto l’onore di accogliere tre piccoli alunni ucraini che, insieme alle madri, sono ospiti di alcune famiglie della comunità cervinese. Bandiere con i colori dell’Ucraina che sventolavano leggere unite a quelle tricolori. E l’orchestra dell’Istituto che ha suonato dal vivo l’inno ucraino e quello italiano. Nessuno è riuscito a trattenere la commozione nel vedere l’emozione negli occhi dei tre bambini che, nonostante l’inferno dal quale sono scappati e che si portano dentro, hanno trovato ad accoglierli un’ intera comunità scolastica in festa.
Cartelloni, striscioni, uno zainetto personalizzato pieno di tutto ciò che potrà servire loro per disegnare, scrivere e raccontare. “Oggi il nostro Istituto – dichiara la Dirigente Scolastica Anna Dello Buono – ha vissuto uno dei momenti più toccanti ed emotivamente significativi della sua storia recente. La paura negli occhi di quei bimbi, che ha lasciato poi immediatamente spazio alla meraviglia e alla commozione, sono sentimenti che a parole non si possono descrivere per chi non ha avuto la fortuna di viverli. E le lacrime di gratitudine e di riconoscenza delle mamme sono state la risposta immediata e concreta ai tanti dubbi che in questi giorni ci hanno assalito rispetto alla gestione di una situazione umana che tutti conosciamo, ma che nessuno può davvero capire. La macchina di solidarietà e di amore che si è messa in moto, è stata una sorpresa persino per me. I docenti hanno volontariamente contribuito per l’acquisto del materiale scolastico e di quello con cui gli alunni hanno realizzato i lavori di benvenuto, così come alcuni genitori che si sono fatti carico di sostenere l’Istituto nella realizzazione di questa festa dell’accoglienza, che si è svolta prima presso la Sede Centrale dell’istituto e poi presso il Plesso di Scuola Primaria di Forchia. Una menzione particolare va ai docenti di Strumento Musicale, che, con la performance degli alunni, hanno confermato il linguaggio potente ed universale della musica. Un grande plauso anche ai docenti che hanno trascorso interi pomeriggio ad allestire l’atrio dell’Istituto e ad organizzare l’ accoglienza degli alunni. Il nostro obiettivo – continua ancora la Dirigente Scolastica del “Fermi” di Cervino – sarà infatti creare le condizioni ottimali in cui garantire l’inclusione e l’integrazione dei bimbi ucraini non solo da un punto di vista prettamente scolastico, ma anche e soprattutto da quello umano.
Oggi – conclude la preside Dello Buono – non potevamo regalare alla nostra comunità scolastica e a quella cervinese una pagina di vita e di storia più forte di questa”.
Presente anche l’amministrazione comunale di Cervino, con il Sindaco Giuseppe Vinciguerra, il Vicesindaco Giuseppina Piscitelli e il consigliere delegato alla Pubblica Istruzione Stravino Mariagrazia insieme a  Padre Francesco, motore della comunità religiosa locale e tra gli artefici del miracolo di fratellanza che ha portato a Cervino i piccoli bambini Ucraini e le loro famiglie.
Gli alunni, già a partire da mercoledì 20 Aprile, seguiranno regolarmente le lezioni presso i plessi individuati e alterneranno alle ore in presenza con le docenti di classe, altre ore in DaD con personale scolastico ucraino, in continuità con il loro percorso di studi così bruscamente interrotto.

 

 

 

Adriana 640×300

Il