PASQUETTA ALLA REGGIA DI CASERTA. MOBILITATI 110 ADDETTI ALLA VIGILANZA E 50 UNITA’ DI POLIZIA , CARABINIERI E GUARDIA DI FINANZA .ANCHE CONTROLLI ANTI-TERRORISMO

Dopo 25 anni dall’ultima volta , quest’anno si potra’  trascorrere la Pasquetta all’interno della Reggia di Caserta. La grande riapertura della Reggia di Caserta nel giorno di Pasquetta e’ la  sfida lanciata dal direttore Mauro Felicori a quanti  la vorrebbero chiusa per il giorno delle scampagnate pasquali.

C’è , tuttavia, un regolamento da rispettare, come sottolinea l’amministrazione : “Si ribadisce che il regolamento per la visita al Complesso vanvitelliano non consente di introdurre all’interno del monumento cibi, bevande, attrezzature per picnic e svago. Insomma, tutto ciò che è incompatibile con la visita ad un’area museale“ .

L’ingresso avverrà esclusivamente dal cancello di Piazza Carlo III attraverso i tornelli della biglietteria e saranno sospesi gli ingressi per i possessori di biglietto nominativo per il Parco.

Va detto  che quando   il nuovo direttore della Reggia di Caserta, Mauro Felicori, ha annunciato l’intenzione di riaprire i cancelli del Parco nel giorno di Pasquetta, in molti hanno storto il naso.

Il sito reale è restato chiuso il lunedì dopo Pasqua negli ultimi 25 anni, principalmente per evitare i danneggiamenti dovuti al grande afflusso di turisti.

Il Direttore   ha incassato il sì di Cgil, Cisl, Uil e Flp.

Contraria solo la sigla Ugl-Intesa, la quale ha motivato il suo diniego per l’assenza, a suo dire, delle necessarie misure di sicurezza.
Qualche dubbio permane ancora su aspetti tecnici, come l’organizzazione dei turni dei

dipendenti, ma la decisione non è stata messa in discussione.

A gestire e controllare il Parco della Reggia saranno 110 addetti alla vigilanza interna più 50 unità di Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza, destinate soprattutto all’esterno della struttura.

L’ingresso avverrà esclusivamente dal cancello di Piazza Carlo III attraverso i tornelli della biglietteria e saranno sospesi gli ingressi per i possessori di biglietto nominativo per il Parco.

Nell’area esterna di piazza Carlo III, le forze dell’ordine controlleranno a campione zaini anche con l’uso di metal detector nell’ambito dei controlli anti-terrorismo.

“La riapertura della Reggia di Caserta nel giorno di Pasquetta non deve essere essere considerata un evento straordinario, ma normale” precisa il questore di Caserta, Antonio Borrelli. “Come forze dell’ordine faremo la nostra parte. Credo anche che molto dipenda dalla consapevolezza dei cittadini circa l’importanza di tutelare il monumento e tenerlo nel decoro. Solo così si può rilanciare l’immagine dell’intera città”.

Orari di visita:

Appartamenti storici 8.30 – 19.30
Parco 8.30 – 19.00
Giardino Inglese 8.30 – 18.00 (chiuso a Pasquetta)

Per scoraggiare gli intenzionati a riprendere la tradizione dei pic nic, sono impegnati anche il personale di Opera Laboratori-Civita concessionario dei servizi aggiuntivi alla Reggia con biglietterie e controllo accessi.

“Non saranno tollerate le partite a calcio – spiegano dalla biglietteria – la Reggia è un museo del mondo, che va rispettato come il Louvre e la National Gallery. Quindi non si entra con ceste di alimenti e palloni mentre ci sarà un controllo all’ingresso, prima della biglietteria. Il biglietto costa 12 euro (appartamenti storici e parco) e sono sospesi gli abbonamenti annuali (accesso di via Giannone chiuso). Resta vietato l’ingresso per le bici. Non saranno ammessi palloni, cesti per gli alimenti, attrezzature pic-nic e tutto quanto e non potranno essere depositati all’interno del guardaroba. Consigliamo pertanto di arrivare alla reggia senza alcuno degli oggetti non ammessi”.