La Buttol non paga, la Fiadel avvia la procedura di raffreddamento

I lavoratori del cantiere di igiene urbana hanno proclamato lo stato di agitazione

San Felice a Cancello. La Fiadel CasertaFEDERAZIONE ITALIANA AUTONOMA DIPENDENTI ENTI LOCALI – ha predisposto una nota  avente ad oggetto il Cantiere Igiene Urbana  del Comune di San Felice a Cancello  e la richiesta di  avvio della  procedura di raffreddamento  ai sensi dell’ art. 2 comma 2 legge 146/90 e 83/2000 e la proclamazione dello stato di agitazione dei lavoratori.

Allo stato attuale – precisa Giovanni Guarino Segretario Provinciale Fiadel– l’azienda non ha corrisposto la mensilità di dicembre e la tredicesima mensilità, senza peraltro fornire adeguate informazioni a riguardo. Abbiamo pertanto formalizzato  la richiesta di avvio della procedura di raffreddamento e  nel contempo si intende proclamato lo stato di agitazione delle
maestranze impiegate presso il cantiere di igiene urbana di San Felice a Cancello“.

Resta inteso- prosegue Guarino–  che le maestranze nel periodo di agitazione si atterranno scrupolosamente allo svolgimento delle proprie mansioni nel rispetto delle norme previste dal codice della strada, nonché delle normative vigenti in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro”.

La nota Fiadel e’ stata notificata alla Prefettura di Caserta, alla Buttol srl, azienda concessionaria della gestione dei rifiuti nel Comune di San Felice a Cancello, al Sindaco G.Ferrara e all’Ufficio Ambiente ed Ecologia del Comune di San Felice a Cancello, alla Commissione di Garanzia.