Italia Viva: l’armadio nel quale si ricompattano gli scheletri della politica

Il fatto e' che questi personaggi sono, ormai, " i soliti noti" della politica locale

di Tacco di Ghino

San Prisco. Ormai e’ certo. Prima delle elezioni regionali, alcuni ex sindaci ed ex consiglieri comunali e provinciali cercheranno di trovare un’ intesa ai fini di una quadra condivisa  spendibile per la vittoria alle  prossime elezioni comunali del 2021.

Nel frattempo,   sembra che dalla vicina  Casapulla continuino a giungere indicazioni per mandare a casa anzitempo l’attuale primo cittadino, dottor Domenico D’Angelo, sostenuto da Le Ali, Generazione Future, Noi Valori di Francesco Paolino, mentre il vice presidente della provincia Carrillo, avrebbe già preso le distanze, e  da alcuni mesi,  dalla lista civica che lo vide candidato sindaco.

Da Radio Casapulla apprendiamo che, in attesa dell’approvazione del prossimo bilancio, dopo il patto di ferro  siglato tra il deus ex machina del Bene Comune e l’ex vice sindaco della città di San Prisco, si starebbe approntando una lista ” di convergenza fra  Viale Trieste e Via M. Monaco ” che dovrebbe rilanciare un ex sindaco già sfiduciato alcuni anni fa dai consiglieri Di Monaco, Cinotti e Di Rienzo, e che lo potrebbe vedere ricandidato alla carica di primo cittadino.

Il fatto e’ che questi personaggi sono, ormai, ” i soliti noti” della politica locale che la gente conosce molto bene. In questo reiterato minuetto politico, si ergono le parole del Sindaco Domenico D’Angelo il quale nelle settimane scorse si e’ cosi’ espresso : ” Quando mi mancheranno i numeri, per continuare la mia esperienza da sindaco, mi dimetterò, spiegando con un manifesto pubblico le motivazioni sia politiche che personali”.

Insomma, la campagna elettorale e’ ormai iniziata: in  via A. Stellato si pensa a predisporre una lista composta da giovani, tutti alla loro prima esperienza amministrativa. Anzi gli “Juniores”  entro la fine del mese potrebbero aprire una loro sede  per iniziare a preparare, prima,  il programma elettorale e poi  a predisporre i 17 nomi che sfideranno, sia D’Angelo Domenico che questo gruppo di ex, i quali devono ancora stabilire a chi tocchera’  fare il Masaniello della situazione.

Riusciranno nell’impresa queste marionette guidate dal puparo di Casapulla ? E se il presidente del consiglio, dottor Franco Monaco, al momento, l’unico che ha dimostrato, in questi 43 mesi, di saper coniugare la politica e i rapporti umani, decidesse di avanzare la sua candidatura a primo cittadino?

Intanto auguriamo a questi giovani di Via A. Stellato di trovare l’intesa per il bene della collettività, visto che tra di loro vi sono professionisti che provengono da famiglie tradizionalmente, socialiste , repubblicane, democratiche cristiane con qualche pidiessino dell’ultima ora.