Tagli al personale della Reggia sul tavolo del Ministro

Caserta – Ci sono e ci potrebbero essere alcuni tagli al personale della Reggia di Caserta, per quel che concerne la vigilanza o gli addetti a quella che è la sorveglianza, del principale monumento della città di Caserta, nonché per quel concerne la manutenzione e restauri della Reggia di Caserta.

E’ stata presentata presentata un’ interrogazione parlamentare che è arrivata sino al  Parlamento della Repubblica italiana, per essere più  precisi sarà sottoposta al vaglio ed all’attenzione anche di uno dei ministri, ossia, Dario Franceschini.

Questo un breve ‘sunto’ di quanto accaduto:  la Ales Arte Lavoro, che non è altro che una società in house del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, detiene il 100% del pacchetto azionario, ed è impegnata in un’ attività di supporto alla conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale, nonché agli uffici tecnico-amministrativi del socio unico.

Alcuni senatori della Repubblica, ossia parliamo dei seguenti membri del Parlamento: La Mura, GaudianoNaturale, Angrisani, MontevecchiLannuttiMautoneDonno, VaninRomano Giannuzzi hanno chiesto a Franceschini un intervento per tutelare i lavoratori all’interno della Reggia di Caserta.

La Ales arte lavoro, in quello che è emerso all’interno del documento parlamentare, del quale ne riportiamo uno stralcio  si è cosi dichiarata “La Ales arte Lavoro, ha recentemente dichiarato che non provvederà al rinnovo dei contratti a tempo determinato in scadenza all’interno della Reggia, sarebbero un centinaio i lavoratori addetti alla sorveglianza, alla manutenzione ed ai restauri, a rischio di perdere il posto di lavoro, tutto questo al fine di cercare o quanto meno limare o limitare la spesa destinata al personale.

Si sarebbe altresì, tenuto un incontro, in data  primo dicembre 2020, dal quale emergerebbero alcune indicazioni che poi sono state anche recapitate anche al Ministero, anche all’interno del documento inviato come risulta anche da un assemblea del quale è stato redatto  verbale dell’incontro tenutosi, nello scorso anno ossia il giorno 1° dicembre 2020 tra la medesima società Ares ed alcune organizzazioni sindacali; per quel che concerne i tagli del personale ci saranno o comunque potrebbero interessare soprattutto gli Uffizi, la Reggia vanvitelliana di Caserta, ma anche altri monumenti importanti italiani, ossia il Colosseo ma anche il parco archeologico di Pompei”.