TRENTOLA DUCENTA: CHI SARA’ IL SINDACO FACENTE FUNZIONI?

Tanti ancora i dubbi dopo le dimissioni del vice sindaco

TRENTOLA DUCENTA – Toccherà alla prefettura sciogliere l’incognita del nuovo sindaco facente funzioni. Individuarlo si è reso necessario in seguito all’arresto del primo cittadino Andrea Sagliocco e le contemporanee dimissioni del suo vice.

Secondo quanto previsto dal regolamento vigente spetterebbe al consigliere comunale anziano assumere la reggenza dell’amministrazione comunale.

Nel frattempo ulteriori novità stanno emergendo dall’inchiesta tuttora in corso. Tutto sembra che stia ruotando intorno alla videocamera installata nell’ufficio del primo cittadino su autorizzazione della magistratura.

A quanto appreso il Sagliocco si rese conto di essere osservato da “occhi indiscreti” in maniera del tutto casuale. Sembrerebbe che non fu lui ad inviduare la videocamera, bensì un’elettricista chiamato per installare all’interno del suo ufficio una porta elettrica.

In suo soccorso, per rimuovere l’oggetto indesiderato, il Sagliocco si servì di Giuseppe Mellucci (agente di pubblica sicurezza in servizio presso la Questura di Napoli).

Sempre dall’inchiesta è emerso anche che il Sagliocco tentò di individuare, attraverso un metodo “alternativo”, il soggetto che avesse provveduto all’installazione della video camera.

In totale, le persone coinvolte nell’inchiesta, risulterebbero una ventina. Tra di loro funzionari e impiegati del comune,  collaboratori del sindaco, imprenditori, insieme ad un agente di polizia penitenziaria, Luigi Lorvenni, all’epoca dei fatti in servizio presso la casa circondariale di Secondigliano.