Tuoro di Caserta: Ieri il ricordo della “Passione di Cristo”

Tanti i momenti di spiritualità e di commozione

Si è svolta ieri per il secondo anno consecutivo la “Passione di Cristofortemente voluta dal giovanissimo parroco della Comunità Santo Stefano Protomartire in Tuoro di Caserta, don Biagio Saiano. Significativa e carico di entusiasmo è stata la collaborazione-partecipazione all’evento di tutti i fedeli della piccola borgata del comune di Caserta.

Tutto è iniziato con la celebrazione dell’ingresso a Gerusalemme, del quale ieri la Chiesa ci invitava a fare memoria. Anche durante la celebrazione della mattina in compagnia di don Biagio vi era “Gesù”, rappresentato da Gerardo Petrillo, che insieme ai “suoi discepoli” rievocava i momenti nei quali più di duemila anni fa il Figlio di Dio faceva il suo ingresso nella Città Santa.

Davvero tanti i partecipanti, tra cui anche numerosissimi bambini della comunità. A farci comprendere il desiderio di collaborazione ci basta considerare che tra i soli “protagonisti” tra ruoli maggiori e minori hanno dato la loro disponibilità più di un centinaio di persone. 

Durante l’evento vero è proprio, iniziato alle ore 18, in maniera sublime e carica di emozione, gli “spettatori” provenienti dalle borgate e dai Comuni limitrofi, hanno potuto rivivere tutti gli ultimi eventi della vita di Gesù partendo dall’ultima cena, dal processo davanti al Sinedrio, dell’interrogatorio davanti a Pilato, per giungere cosi al momento più doloroso rappresentato dalla sua Crocifissione e morte.