Ultim’ora, Al via la marcia per le strade di Caserta del Movimento globale “Fridays For Future”

Ha preso il Via dalla Stazione ferroviaria di Caserta, intorno alle ore 10.00 il corteo di molte centinaia di studenti casertani e dei comuni viciniori che hanno deciso di partecipare alla marcia di protesta per evitare l’estinzione del genere umano e non. A farsi portavoce delle proteste è il Movimento globale “Fridays For Future”, venutosi a creare anche nella Città di Caserta, che sta facendo luce sulla condizione in cui il nostro Pianeta versa: ci troviamo in un momento storico che si appresta a vivere la Sesta Estinzione di Massa della Terra.

Ha preso il Via dalla Stazione ferroviaria di Caserta, intorno alle ore 10.00 il corteo di molte centinaia di studenti casertani e dei comuni viciniori che hanno deciso di partecipare alla marcia di protesta per evitare l’estinzione del genere umano e non. A farsi portavoce delle proteste è il Movimento globale “Fridays For Future”, venutosi a creare anche nella Città di Caserta, che sta facendo luce sulla condizione in cui il nostro Pianeta versa: ci troviamo in un momento storico che si appresta a vivere la Sesta Estinzione di Massa della Terra.

Secondo il report della commissione Ipbes delle Nazioni Unite, circa un milione di specie sarebbe a rischio estinzione. Il cambiamento climatico, dovuto alle azioni intrusive dell’uomo, sta distruggendo il pianeta. L’aumento costante di emissioni di CO2 e Gas Serra porterà ad un innalzamento della temperatura globale di oltre 1,5°C, mettendo a rischio gli ecosistemi dai quali anche la specie umana dipende imprescindibilmente. La quantità di danni che stiamo provocando al pianeta è inimmaginabile e spaventosa, ma, cosa più allarmante, sconosciuta. La Città di Caserta è soffocata dal cemento e dall’edilizia dilagante, gli spazi verdi sono sempre di meno, il traffico congestiona le strade e rende l’aria irrespirabile. Bisogna portare al centro del discorso politico la cura dell’ambiente in cui viviamo e la sostenibilità delle politiche che attuiamo.

Non possiamo più rimandare, il tempo stringe, e se non vogliamo lasciare in mano alle generazioni future un mondo invivibile e pronto a morire, dobbiamo cominciare ad agire. Ecco perché il 24 maggio, a Caserta, così come in più di duemila città del mondo, si sta tenendo, in questo momento (sono circa le ore 10,45) una manifestazione che prende le mosse dal bisogno di voler vivere su questa Terra e di preservarla, prima che sia troppo tardi. Il corteo è partito, come detto, alle ore 10,00 dalla Stazione di Caserta, con l’obiettivo di scuotere le coscienze non solo del singolo cittadino ma anche delle classi dirigenti, per chiedere a gran voce una presa di posizione netta e che porti immediatamente al cambiamento di un sistema che, oggi, non tiene conto delle ripercussioni che ogni decisione provoca all’ambiente.

Il Movimento casertano “Fridays For Future”, chiede, quindi, all’Amministrazione Comunale di dichiarare lo stato di emergenza climatica, così come già fatto da numerose città nel mondo, e ai cittadini di partecipare alla manifestazione di venerdì 24 maggio come un primo, grande momento di collettività e comunità cittadina sensibile e responsabile.