Caserta. Didattica in presenza della Vanvitelli : è caos

I genitori chiedono al Sindaco il prolungamento della Didattica a distanza

Caserta. Causa lavori il plesso scolastico di San Benedetto dovrà ” appoggiarsi” ,almeno fino  al primo febbraio, alla centrale di Parco Aranci attuale sede delle scuole medie. Questo sempre che il plesso di via Barducci dove dovranno essere ospitati sarà pronto. ( gia’ questa è una situazione molto discutibile visto che i lavori erano già previsti  e che c’è stato tutto il tempo per provvedervi e non attendere il rientro dalla sera alla mattina, come da sentenza Tar esecutiva).

Ora il problema è: dovessero,come sembra, tornare le medie in presenza già da lunedì prossimo sarebbe un vero e proprio caos.  Al disaggio dei bambini e genitori della primaria  infatti, si andrebbe ad aggiungere quello dei ragazzi e genitori delle medie.

Già prima infatti per quest’ ultimi  la situazione non era delle migliori . Bata pensare che erano costretti  a divisione con gruppi di esubero a rotazione. Ora , dalla prossima settimana,si prospetta, non solo la rotazione in esubero ma anche turni pomeridiani, cosa che aggrava ulteriormente il disagio delle famiglie.

In tutto questo ,il problema principale resta la sicurezza. In emergenza Covid si aumentano i rischi di contagio, per quanto si possano adottare tutte le misure previste dal protocollo. Ora i genitori chiedono a gran voce che il sindaco Carlo Marino, tenendo conto del fatto che questa amministrazione non ha provveduto tempestivamente a mettere in sicurezza il plesso di san Benedetto ( da marzo si aspettano i container per evitare che le  classi andassero in esubero), autorizzi il prolungamento della didattica s distanza  fino a risoluzione della questione della scuola primaria.