Maddaloni: successo di pubblico per il Convegno “Siamo in guerra”

Soddisfatto il Presidente dell’ANFI Giuseppe Farina

Maddaloni– Siamo in guerra, il convegno organizzato dall’ANFI sez. M. Brancaccio di Maddaloni si è tenuto stamane nella sala Chollet della Fondazione Villaggio dei Ragazzi “don Salvatore d’Angelo”.

Soddisfatto il presidente Giuseppe Farina della partecipazione e del coinvolgimento sia degli studenti che dei cittadini.

Il convegno, destinato agli studenti delle medie inferiori e superiori, ma non solo, aveva come sottotitolo “Il traffico illecito dei rifiuti: conseguenze sulla salute e gli effetti distorsivi sull’economia”.

L’evento ha coinvolto gli studenti della Fondazione Villaggio dei Ragazzi, del liceo Classico “Giordano Bruno”, del liceo Statale “don Gnocchi”, del liceo Scientifico “Nino Cortese” e delle terze medie del territorio maddalonese.

Relatori autorevoli hanno contribuito a sviscerare il tema oggetto del convegno:

Il dott. Antonio Marfella, oncologo dell’Istituto Nazionale per la Cura dei Tumori “Fondazione G. Pascale” di Napoli, medico dalle grandi doti oratorie, che ha raccontato della situazione del nord Italia, in particolare di Brescia, molto più grave di quanto si immagini sotto l’aspetto dell’inquinamento e delle patologie connesse.

Il Maggiore Marilena Scudieri, Comandante del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e agroalimentare di Caserta , che ha portato la sua esperienza sul campo e ha raccontato di vari interventi, ultimo in ordine di tempo proprio al mercato agroalimentare di Maddaloni.

Il Tenente Colonnello Michele Doronzo, Comandante Guardia di Finanza di Aversa ha mostrato, con l’ ausilio di video, interventi di sequestri in opifici abusivi. Il prof. Antonio Maria La Scala, vicepresidente nazionale dell’A.N.F.I. ha parlato degli aspetti legati alla corruzione, ma non solo, e di come problema “Terra dei fuochi” sia devastante per la salute, l’economia e la società  

L’incontro è stato moderato dalla giornalista e collega Lucia Grimaldi. Il tema, noto ma mai abbastanza conosciuto come si dovrebbe, è stato affrontato da varie prospettive e da personalità che quotidianamente sono operative sul territorio.

La guerra del titolo si riferisce, infatti, proprio alla battaglia per la tutela dell’ambiente e della salute che ciascuno, come può, ha il dovere di combattere