Marcianise. Il Gip revoca gli arresti domiciliari ad Antonio Campolattano

L’indagine della Procura riguarda tre permessi a costruire irregolari rilasciati dal dirigente del Comune alla società facente capo al patron Barletta per la realizzazione di capannoni industriali

Marcianise . Cambia la misura per uno degli indagati principali dell’inchiesta sull’accordo tra Comune di Marcianise e Interporto.

Il gip Orazio Rossi ha revocato gli arresti domiciliari nei confronti di Antonio Campolattano, amministratore delegato di Ise all’epoca dei fatti.Potrà lasciare la sua abitazione, ma non può rientrare nella provincia di Caserta.

Accolta l’istanza presentata dal legale di Campolattano, Mauro Iodice, che evidenziava il fatto che il manager aveva presentato le sue dimissioni dagli incarichi ricoperti in Ise e quindi non sussistevano più pericoli di reiterazione del reato.

L’indagine della Procura riguarda tre permessi a costruire irregolari rilasciati dal dirigente del Comune alla società facente capo al patron Barletta per la realizzazione di capannoni industriali.