SAN NICOLA LA STRADA. Incontro pubblico del M5S, “Nessuno deve rimanere indietro”

I portavoce al Senato Agostino Santillo e Luigi Cirillo, Consigliere regionale della Campania del Movimento 5 Stelle, saranno presenti sabato 2 marzo 2019, alle ore 10.30, presso il Salone Borbonico.

SAN NICOLA LA STRADA – Sabato 2 marzo 2019, con inizio alle ore 10.30, presso il Salone borbonico di San Nicola la Strada, i portavoce al Senato Agostino Santillo e Luigi Cirillo, Consigliere regionale della Campania del Movimento 5 Stelle, incontreranno la cittadinanza per presentare e discutere due temi: Attuazione del P.E.B.A. (Piano Eliminazione delle Barriere Architettoniche); legge regionale LIS (Lingua dei Segni). I P.E.B.A. Piani per l’Eliminazione delle Barriere Architettoniche sono uno strumento di pianificazione degli interventi, previsti in alcune norme vigenti inerenti sia l’accessibilità che il più ampio tema dei diritti delle persone con disabilità.

I piani sono stati introdotti nel 1986 relativamente agli edifici pubblici (Legge 41/86, art. 32) poi estesi nel 1992 agli spazi urbani (Legge 104/92, art. 24); nel 1996 con il D.P.R. 503/96 artt. 3-4 vengono definiti anche i percorsi accessibili. L’obbligatorietà della redazione del P.E.B.A da parte delle Amministrazioni competenti è stabilita entro un anno dalla adozione dalla Legge 41/86, riferita agli edifici pubblici; i termini di attuazione risultano ad oggi, in molte circostanze, ampiamente successivi o addirittura disattesi, proprio per la mancanza del piano. La realizzazione del piano ingloba, con le diverse estensioni della norma, gli edifici agli spazi aperti oltre ad interessare altri molteplici aspetti; riguarda sia le barriere fisiche che quelle senso-percettive; consente di operare, creando continuità tra monitoraggio, programmazione e realizzazione degli interventi, per i quali vengono indicati i costi delle opere, per una più corretta programmazione finanziaria; supera un approccio episodico e frammentario dei progetti.

In merito al secondo Punto dell’intervento nel Salone Borbonico, si sottolinea il fatto che il Consiglio Regionale della Campania, lo scorso mese di luglio 2018, ha approvato all’unanimità, con 36 voti favorevoli, il Testo Unificato “Disposizioni per l’inclusione sociale, la rimozione delle barriere alla comunicazione, il riconoscimento e la promozione della lingua dei segni italiana e della lingua dei segni italiana tattile”. Il testo promuove il riconoscimento, la diffusione, l’acquisizione e l’uso della lingua dei segni italiana (Lis) e della lingua dei segni italiana tattile (Lis tattile).

Tra i punti salienti del testo di legge, gli interventi regionali per favorire la diffusione della Lis e della Lis tattile nelle attività di comunicazione e di informazione istituzionale e nell’accesso ai media, nell’accesso alla conoscenza del patrimonio storico, artistico, culturale regionale, al turismo e agli eventi culturali, ricreativi, sportivi, le attività di formazione per i bambini sordi, sordociechi o con disabilità uditiva in genere per sperimentare gli interventi logopedici e protesici per l’abilitazione linguistica orale precoce nell’apprendimento della Lis e della Lis tattile; le azioni di supporto agli studenti con disabilità uditive nell’ambito della collaborazione con l’Ufficio scolastico regionale e con le Università; la definizione del programma periodico delle attività da parte della Giunta regionale; interventi per l’inclusione lavorativa.