Sgomberato l’ex Mattatoio comunale di Caserta per nuovi cantieri

La Polizia Municipale ha dato il via allo sgombero dei rom. Il Sindaco: "subito la bonifica e la valorizzazione del sito per la crescita economica dell’area"

È stato sgomberato questa mattina l’ex Mattatoio comunale della Città di Caserta. La struttura abbandonata ormai da vent’anni, era stata occupata da senza tetto, ma in un primo momento, quasi subito dopo l’abbandono, è stata anche sede di criminali, tanto che buona parte della struttura oggi risulta completamente vandalizzata.

Spalancati i cancelli, non è stato difficile prendere il controllo di un’area vastissima che ha sede affianco alla multinazionale farmaceutica per gli studi delle malattie neuro-degenerative. Da segnalare, però, che l’intervento di quest’oggi della Polizia Municipale è da ritenersi efficacie esclusivamente per lo sgombero dei rom che abusivamente avevano costruito lì dentro delle vere e proprie abitazioni.

Ora tutta l’area rimane ancora una volta abbandonata, e sempre sotto la tutela dell’Amministrazione comunale. Il Sindaco Carlo Marino ha infatti commentato dicendo: “Dopo una battaglia durata del tempo e che ha visto tante amministrazioni passare senza essere riuscite a risolvere il problema, oggi, grazie al lavoro dei Vigili Urbani del Comune di Caserta, degli Uffici comunali e delle Istituzioni che ci hanno supportato, siamo riusciti a liberare il vecchio mattatoio comunale dagli occupanti abusivi di etnia rom. Adesso – conclude il Primo cittadino – partirà subito la bonifica e l’evidenza pubblica per la valorizzazione del sito che dovrà essere un contenitore per la crescita economica e ambientale dell’area”.

Tante le speranze a questo punto che si posso riporre in una struttura di quelle dimensioni. A quanto pare, sentendo però le parole del Sindaco, solo ora che si è presentata l’opportunità di mettere in cantiere un progetto di pubblica utilità è stato necessario mettere in atto lo sgombero degli abusivi, che in effetti già da diversi anni erano lì accampati.
Dunque ancora una volta un’operazione finalizzata ad un unico scopo…