ULTIM’ORA. Pasquale Corvino, nessun voto di scambio politico-mafioso. Rigettata l’accusa del 416 ter

CASERTA – L’avevamo previsto. Le supposizioni che vi abbiamo precedentemente scritto, anticipando difatti la sentenza, si sono verificate veritiere (clicca QUI per leggere l’articolo). Cancellato infatti definitivamente l’articolo 416 ter del Codice Penale, imputato provvisoriamente a Pasquale Corvino, all’interno delle indagini legate al presunto voto di scambio alle elezioni regionali 2015. Dunque non sussiste nessun reato di scambio elettorale politico-mafioso.

L’ex vice sindaco di Caserta, Pasquale Corvino, esce finalmente pulito da questa vicenda (ricordiamo dopo essere già stato scarcerato dal riesame) e dovrà rispondere solo ed esclusivamente alla corruzione elettorale.