VITTORIA IN TRIBUNALE PER ROBERTO SAVIANO SULL’OPERATO DI DON PEPPE DIANA

di GIANCLAUDIO DE ZOTTIS

 

La Corte di Appello di Napoli, con l’emissione di un’altra sentenza, ha dato ragione allo scrittore Casertano, Roberto Savaino, autore di Gomorra e di altri libri.

Per anni secondo lo scrittore ha subito una vera e propria persecuzione da parte di LIBRA Editrice (che pubblica i quotidiani Cronache di Caserta, prima Corriere di Caserta, e Cronache di Napoli) e che nel 2008 lo aveva citato per plagio in seguito agli attacchi dello scrittore nei confronti alla casa editrice. Oggi la Corte d’Appello di Napoli quantifica in 75mila euro la somma che LIBRA dovrà restituire e afferma Saviano “mi impegnerò perché sia devoluta in beneficenza”.

Secondo l’anzidetta casa editrice, LIBRA aveva affermato che Gomorra era interamente plagiato,  chiedendo  300mila euro di danni, ottendendo una cifra minore, precisamente 60mila, ne dovrà restituire 75mila. In un mondo in cui tutto sembra avere un prezzo ciò che non ne ha è il fango che LIBRA Editrice ha gettato sulla memoria di Don Peppe Diana con quel titolo terribile: “Don Peppe Diana era un camorrista”. 

Il processo  inizato nel 2008 per lo scrittore è stato comunque doloroso , difficile oltre che lunghissimo, eppurelo scrittore afferma ” sono fiero di poter restituire oggi alla memoria di Don Peppe questa piccola, piccolissima vittoria”.