Tragedia nella metropolitana di Napoli: parlano Borrelli-Verdi- e Nonno -FdI-

Lo scontro ha provocato 13 feriti

Uno scontro tra treni della linea 1 della metropolitana di Napoli è avvenuto verso le ore 7,00 del 14 gennaio.

Tra le stazioni dei Colli Aminei e Piscinola, all’altezza della strettoia dei Colli Aminei, si sono scontrati due convogli, di cui uno con a bordo dei passeggeri, provocando 13 feriti di cui 5 sono stati trasportati in ospedale, tra questi un macchinista con trauma toracico ed un passeggero con un trauma ad una mano.

Bisognerà ricostruire la dinamica dell’incidente per verificare se ci siano stati errori umani e di quale natura o si tratta di un episodio slegato da errore umano. È qualcosa di molto grave, avrebbe potuto essere una tragedia. La linea 1 della metropolitana è costantemente soggetta a guasti ma quando si tratta di mettere a repentaglio la vita dei cittadini si va ben oltre e quindi occorre capire con assoluta certezza cosa sia successo e individuare eventualmente le responsabilità e prendere provvedimenti molto accurati.”ha dichiarato il Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.
È solo per puro miracolo se durante l’incidente che stamani ha coinvolto due treni della linea 1 della metropolitana di Napoli non vi sia scappato il morto.
Gli inquirenti e chi di dovere accetteranno le cause dello stesso, nel frattempo la mia vicinanza va alle persone rimaste ferite durante l’impatto.
Sull’inadeguatezza di chi guida amministrativamente e politicamente la città appare addirittura superfluo spendere altre parole. Il Sindaco De Magistris qualche mese fa ebbe l’ardire di dichiarare che Napoli sarebbe divenuta nei prossimi mesi seconda solo al Giappone per efficienza del trasporto pubblico, rasentando il comico.
Ci faccia la cortesia di dare una parvenza di serietà almeno a questi ultimi mesi di mandato. I napoletani gliene sarebbero grati”.
È quanto dichiarato in una nota da Marco Nonno, consigliere comunale di Napoli di Fratelli d’Italia.