Via libera del consiglio regionale alla proposta di Luigi Bosco: incubatori di mestieri tradizionali e contributi per favorire gli investimenti delle imprese.

«Il Consiglio della Campania ha appena approvato l’emendamento alla finanziaria regionale che mi vede proponente e che istituisce gli incubatori di mestieri tradizionali regionali (primo caso in Italia). La Regione Campania potrà investire nella formazione dei giovani in relazione ai nostri antichi mestieri tradizionali, quali, ad esempio, lavorazione di seta, stoffe, porcellane, prodotti enogastronomici, a tutela del Made in Campania che, oltre ad essere pubblicizzato va anche insegnato e tramandato. Il provvedimento, inoltre, prevede la concessione di contributi alle imprese del settore commerciale ed artigianale per investimenti nell’innovazione tecnologica della propria attività, da un minimo di 15mila ad un massimo di 30mila euro».

Queste le parole di Luigi Bosco, consigliere regionale di ‘Campania libera – Psi – Davvero Verdi’ e vicepresidente della commissione alle Attività produttive, Industria, Commercio e Turismo.