Video e foto. Le creazioni di Sebastiano, giovane e promettente stilista

Sebastiano è un giovane che quest’anno di è diplomato al Liceo Don Gnocchi di Maddaloni.

Di lui e della sua passione vi avevamo già raccontato nel pieno del lockdown, a fine marzo, quando, per non sentire la mancanza della scuola, luogo privilegiato in cui si esprimeva con le sue creazioni ha creato un coinvolgimento con docenti e compagni per una condivisione tesa ad annullare quanto più possibile le distanze. La preside Annamaria Lettieri ha sempre incentivato Sebastiano, stimolando ad approfondire i suoi studi, favorendolo grazie all’utilizzo del laboratori e dandogli ogni tipo di supporto. Parimenti i docenti, in particolare la prof.ssa Rosanna De Lucia che lo ha seguito proprio nella disciplina moda è stata per lui una vera e propria guida, un punto di riferimento ed una fonte da cui attingere competenze.

Leggi anche:

Maddaloni. La storia di Sebastiano: didattica a distanza ai tempi del Coronavirus

 

Sebastiano ha conseguito in quest’anno scolastico così particolare l’esame di maturità. Si è diplomato ed ora dovrà avviarsi verso nuovi percorsi che gli consentiranno di imparare le giuste tecniche per estrinsecare il suo estro creativo.

Sebastiano ci ha raccontato della sua scelta per la realizzazione che ha presentato all’esame di maturità e che è possibile ammirare nelle foto e nei video seguenti: ” Il tema di progettazione assegnato è consistito nella creazione di un abito ispirato alla tematica dell’interiorità. Io mi sono ispirato ad Alexander MCQUEEN , morto suicida  all’apice del successo;  un genio che ha vinto molti premi ed è stato commendatore britannico. McQueen diceva che l’esperienza non è sufficiente, ma bisogna aver incubi frequenti, riconoscerli e saperli disegnare. Il suo intento era stupire. Sono stati questi spunti che mi hanno permesso di sviluppare inizialmente degli schizzi estemporanei caratterizzati da vita stretta come se punto se il punto vita fosse l’emblema di una vita quasi spezzata. Il colore beige è stato scelto pensando ad una vita spenta.  Il tessuto di lino è impreziosito da strisce  lavorate ad uncinetto che fasciano il punto vita e la ginocchia: così collegate verticalmente da altre strisce  formano una sorta di  gabbia. Il tema della gabbia ritorna col copricapo di pelliccia. Ho inoltre ideato e prodotto una cappa in lana con inserti a rilevo di rose rosse, ecopelle e tulle nero. Il lavoro lo ho svolto da solo. Per me è stato un importante momento di crescita personale a tutto tondo. Il supporto dei docenti è stato fondamentale per me e non smetterò mai di ringraziarli, così come la preside Lettieri che ha sempre creduto in me. In particolare con la docente di moda Rosanna De Lucia, con la quale negli anni si è creato un rapporto speciale, che va oltre la scuola e continuerà anche ora che sono diplomato”.

Questa è la storia di Sebastiano, un ragazzo speciale, al quale noi auguriamo di raggiungere traguardi altissimi e speriamo di scrivere un giorno di lui dalle passerelle di Milano o di New York. Ad maiora Sebastiano, sei motivo di orgoglio per la tua famiglia e per la nostra città.